Triangoli alla crema di balsamico

Vino e ricetta Coppia perfetta

Finalmente, tra polemiche, ritardi e tanta curiosità, è cominciato Expo Milano 2015, il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione che l’Italia ospita dal primo maggio al 31 ottobre .

L’obiettivo di Expo è preziosissimo: i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano e sicuro per tutti.

La rubrica enogastronomica Correggese intanto continua la caccia alle pietanze tipiche con il tocco e lo stile personale delle cuoche storiche del territorio.

La tappa “Expo” si ferma a Mandrio di Correggio da Gianna Guaitolini, proprietaria del Ristorantino del Borgo e instancabile volontaria di FestAmandrio.
Una donna sempre sorridente e accogliente che ama la cucina e prepara ogni suo piatto con cura e attenzione.
Gianna è una specialista dei “primi” e tiene moltissimo alla tradizione emiliana ma ha sempre un asso nella manica.
Il piatto che ci propone Gianna è un primo semplice ma al tempo stesso delizioso ed esplosivo con ingredienti tipici della nostra terra.

Ingredienti

250 gr di mortadella
250 gr di prosciutto cotto
500gr di ricotta (magari appena fatta)
Parmigiano Reggiano
La pasta sfoglia tirata abbastanza sottile
Panna da cucina
Aceto balsamico “argento”
A scelta se vi piace: noce moscata macinata

Procedimento

Il ripieno viene preparato a freddo quindi risulta molto veloce.

Tagliare a dadini sia il cotto che la mortadella e macinarli il più fine possibile nel robot.

Mettere il trito in una ciotola, aggiungere la ricotta e un’abbondante manciata di Parmigiano-Reggiano e, se vi piace, una macinatina di noce moscata.

Impastare energicamente fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Tirare la sfoglia abbastanza sottile e tagliare tanti quadrati da farcire con il ripieno preparato, poi richiudere a triangolo.

Lessare i triangoli in abbondante acqua salata e tirarli in padella dove avrete preriscaldato della panna liquida da cucina e qualche goccia di aceto balsamico di Modena.

Il piatto è pronto per essere servito e non rimane che dire….Buon appetito!

 

L’angolo del Sommelier

Per un piatto tipico creato con ingredienti della nostra tradizione, non possiamo che abbinare un vino o meglio il vino Emiliano per eccellenza: il Lambrusco! Per i nostri “triangoli” la scelta ricade sul Lambrusco “Ottocentonero” della Cantina di Albinea Canali. Parliamo di un vino secco, IGT di colore rosso rubino intenso con riflessi violacei, che profuma di frutti di bosco e al palato risulta armonico grazie al perfetto equilibrio tra acidità e morbidezza. Nota: quando parliamo di Lambrusco parliamo sempre di vino frizzante, da servire fresco 8-10°C.

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto