Riconoscere e combattere il fenomeno delle fake news

Mercoledì 18 Aprile, presso la Sala D’Aragona della Rocca Estense di San Martino in Rio, si è tenuto l'incontro «A caccia di fake news. L’invasione delle “bufale” nel selvaggio Web»

Le parole devono tornare a essere importanti: dire o non dire una cosa piuttosto che un’altra fa la differenza, sia per gli addetti ai lavori, che per i lettori e spettatori che fruiscono dell’informazione.

Non una classica lectio magistralis tenuta da due esperti del settore, ma un dialogo dinamico e brillante riguardante l’informazione, che nell’era digitale risulta essere sempre più affetta da patologie che rendono virali vere e proprie bugie. Da quanto emerso, la difficoltà nel riconoscere questa disinformazione è anche insita nella psicologia umana, in quanto si è portati a pensare che i “creduloni” siano sempre e solo gli altri.

Gabriela Jacomella, giornalista del Corriere della sera ed esperta in fact-checking, ha dato importanti suggerimenti per imparare a orientarsi meglio nell’infinito oceano del Web, mentre Federico Ruffo, conduttore televisivo e redattore della trasmissione “Report”, ha presentato i casi più emblematici di fake news diffusi in Italia negli ultimi anni.

Il pubblico si è dimostrato molto interessato e ha posto domane fino a ora tarda. Si sono fatti sentire soprattutto i giovani, che spesso conoscono il fenomeno delle “bufale” solo nella teoria, chiedendo agli esperti previsioni sul futuroindicazioni e consigli su come riconoscere e combattere le fake news.

L’evento è nato dalla collaborazione tra il Circolo culturale Primo Piano di Correggio e l’associazione giovanile S.Mart. in Rio.

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna su