Questa nostra pianura, cultura e natura insieme

Marco Belpoliti la ripercorre e ce la racconta

“Piatta è piatta” è l’incipit di “Pianura”, il nuovo libro di Marco Belpoliti, scrittore, saggista, accademico, nato a Reggio Emilia nel 1954, da tempo a Milano. In “Pianura”, edito da Einaudi a fine gennaio, Belpoliti si dedica alla sua, e nostra, terra.

In copertina, una foto inedita di Luigi Ghirri con un’edicola mariana che emerge dalla nebbia. “La pianura è questo: una sorta di incommensurabile, dove però c’è sempre una misura. Tutto sembra senza fine, ma non lo è”. Così come l’edicola nella nebbia, in “Pianura” appare un mondo personale e collettivo. C’è una mappa come in un viaggio e questa “sorta di incommensurabile” attraversa storie, città, paesaggi e persone. Scrittori, artisti, studiosi, del presente e del passato, amici personali dell’autore come Ghirri, Gianni Celati, Piero Camporesi, Giuliano Della Casa, Giovanni Lindo Ferretti, Pier Vittorio Tondelli, Ermanna Montanari, Marco Martinelli. Raggiungo Marco Belpoliti un sabato mattina di aprile, via Skype. Dalle finestre dell’abitazione a Milano arriva il suono delle sirene. «Qui continuano le autoambulanze» commenta angosciato. Dell’anno pandemico ha scritto in molti articoli: «Il vero vaccino è l’immaginazione», ha detto.

Cerchiamo di stare su “Pianura”, quella di cui narra e che ci unisce in questa distanza.

Belpoliti, all’inizio del libro ci offre una chiave antica di lettura della pianura, la centuriazione. Perché?

«La forma della pianura è di essere piatta, la chiave è quella, ma nella centuria appare una scrittura, un gesto geometrico che ha modellato il mondo. È un segno che mi ha sempre colpito. Il cardo è orientato sull’asse del cielo e ha a che fare con il cielo proiettato in terra».

Ci restituisce anche, a me pare, un immaginario comune in cui riconoscerci. Dai bassorilievi di Wiligelmo ai Giganti del Po, alle mappe di Opicino. È così?

«Non pensavo a un immaginario comune, avevo delle storie, dei luoghi, delle idee e delle persone e ho cercato una lingua per raccontarle. Le cose sono lì, a volte basta riconoscerle».

Come Ghirri? Lei scrive: Fotografava le cose già viste, ma erano nuove ogni volta.

«Le cose che fotografava Ghirri c’erano già, ma è chiaro che è stato lui, con il suo sguardo, a farle diventare quello che noi vediamo. Diceva che l’importante, nella fotografia, è quello che resta fuori. E quindi la fotografia è un ritaglio. Ecco, anche scrivere un libro è un ritaglio della realtà».

Ghirri abitava da ragazzo tra città e campagna. È lì, “sul margine”, che impara a leggere il bello nel brutto?

«Questo è quello che lui ha fatto e che ci lascia sorpresi. Fotografa una pompa di benzina all’imbrunire e riesce trasformarla in un oggetto visivo che non è da disprezzare! È vero, c’era stata la pop art e c’era stato Walker Evans, ma mentre in America la modernità contiene sempre il conflitto, Ghirri fa un’operazione che contiene la storia. Quel paesaggio lì che noi vediamo, è quello, appunto, dei Romani. Non si vede la centuriazione quando fotografa il fossatello, ma la sensazione è che ci sia un ordine. Un ordine un po’ religioso, mitico. Quando Ghirri fotografa la pianura c’è dentro la storia, perché dentro quell’oggetto naturale c’è il lavoro dell’uomo. È l’Italia antropizzata».

Un Antropocene gentile?

«L’Italia è un Paese meraviglioso, dalla Sicilia alle Alpi, ma è anche un paese in cui per millenni si è esercitata la mano dell’uomo e siamo arrivati fino agli anni Sessanta senza troppi danni. Dopo, è successo di tutto: l’industrializzazione, la mancanza di cultura, visiva e architettonica, la volontà di riprenderci dalla fame atavica. Però, c’era un equilibrio, prodotto dall’uomo, che contiene anche disequilibrio. Ghirri fotografa un paesaggio che non è naturale, è un paesaggio storico. E questa cosa si sente. Un muro con il verderame su cui c’era stata una vite e su cui si arrampica una rosa, contiene cultura e natura che si mescolano. Noi abbiamo modellato la Pianura ed è ancora una cultura e una natura insieme».

Ancora cultura e natura, lei dice?

«Non l’abbiamo stravolta del tutto. Abbiamo fatto molto per distruggerla, ma resiste».

“Pianura” è un tornare a casa. Lei chiama la città d’origine “paesello”…

«Così la chiama l’amico con cui dialogo in “Pianura”. Abitava in una grande città e, riferendosi alla città di origine, diceva “paesello”. All’inizio mi dava fastidio. Poi mi sono abituato, è un diminutivo, un vezzeggiativo, e comunque è l’espressione del mio amico».

Prima di arrivare a Pier Vittorio Tondelli, una curiosità. Lei scrive di aver avuto una zia Dimma a Canolo…

«Sì, Dimma Pellacani, purtroppo è morta qualche anno fa».

Il capitolo su Tondelli s’intitola “Magon”, bella parola dialettale su cui si potrebbe aprire un dibattito. Ha a che fare con la nostalgia, c’entra con il tornare a casa?

«Penso di sì. Quello che io ho pensato è che la nostra generazione fosse molto localista, però anche molto globale: ci siamo alimentati di tanti miti che erano lontani dal “paesello”. Certo, la generazione di Pavese, e poi quella di Calvino, era molto internazionale, cercava di uscire dall’Italia fascista e ce l’ha fatta. Però credo che le radici vogliano dire qualcosa. Non mi trovo così d’accordo con quei filosofi ed antropologi che attaccano il tema dell’identità. L’identità ha limiti evidenti, ma perderla è angoscioso. Credo che l’identità sia una delle cose importanti. E mi sembra che Tondelli sia un esempio molto buono di uno scrittore, per questo emiliano, che ha amato le cose straniere, Berlino, l’Inghilterra, ha molto viaggiato e che però ha sempre delle radici. Poi la radice vera è la terra. La terra materna o paterna, avere i piedi per terra, avere un luogo, una memoria. Secondo me non si vive senza questo. Se tu non sai chi sei non capisci neanche gli altri. Che Tondelli sia voluto tornare a casa nell’ultimo periodo della sua vita –  è vero c’erano i suoi affetti – ma vuol dire che la sua terra non l’aveva mai dimenticata».

Dai Romani e la Pianura si arriva all’Appennino e ai Liguri, con i Cccp e Ferretti Lindo Giovanni, suo amico fin dai 16 anni di età. Come mai questo percorso?

«I Liguri, le guerre puniche, Annibale, mi hanno sempre colpito. Sono stati studi storici ma è stata anche una fantasia. In Appennino ho avuto una casa, è stato un luogo che ho attraversato, tante volte, a piedi, ho campeggiato. È un luogo misterioso, più delle Alpi. L’Appennino per conoscerlo devi starci dentro».

Dei Cccp sottolinea l’estetica.

«Ho voluto tenere sospese un po’ le cose per non definire tutto, per non dargli una forma drammatica. Perché non è un libro drammatico, è il contrario».

Il “tu” narrativo serve a questo?

«Sì, rende tutto più colloquiale».

Tra i tanti che fa piacere ritrovare nel suo libro c’è Giovanni Jervis.

«Ci sarebbe tanto da scrivere, è una storia da riprendere».

Ora pensa a una seconda “Pianura”?

«Sto riflettendo se fare un nuovo libro. Ma non sulla pianura, mi debbo spostare. “Pianura” ha un’identità fluttuante, aperta, non rientra in alcun genere. Mi piacerebbe provare a continuare così, partendo da sé stessi, da quello che si è».

Le hanno chiesto se “Pianura” sia una narrazione anti-leghista…

«Non ho pensato a un libro politico. Di Bossi e Berlusconi ho già scritto in due libri per farne memoria, perché poi le cose passano. Qualcuno mi ha detto “non c’è l’inquinamento, la pianura distrutta”. L’ho dato per scontato. Ho pensato: io voglio ripartire. Non è che io voglio stare fermo qui. Per ripartire occorre indietreggiare, prendere la rincorsa per saltare il fossato. C’è uno iato che sarà difficilissimo ricucire. Però il mio piccolo sasso è quello lì».

 

Sui social della Biblioteca con Malavasi e Bonaccini

“Noi siamo l’immenso limitato dentro questo grande Paese che è l’Italia”. Marco Belpoliti, cofondatore e direttore con Stefano Chiodi del sito culturale Doppiozero, ne ha parlato durante la presentazione di “Pianura” il 22 marzo in una diretta web della Biblioteca Einaudi di Correggio con la Sindaca Ilenia Malavasi, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il giornalista di Radio Bruno Pierluigi Senatore. Una conversazione, piacevole e interessante, che si è soffermata su molti passaggi del libro e in particolare sulla nostra realtà locale: Reggio, Correggio, Carpi, Campogalliano e Modena. La serata può essere riascoltata sul canale YouTube di BiblioCorreggio.

 

Luisa Gabbi

Leggi la nostra rivista direttamente online!

Condividi: