Quando va a ruba il lievito di birra

Cambiano le provviste alimentari dei correggesi

Le abbiamo viste tutti: foto di file chilometriche davanti ai supermercati, bancali d’acqua minerale completamente deserti nei primi giorni di pandemia, scaffali presi d’assalto e svuotati da clienti allarmati. Vogliamo parlare del lievito di birra? Dell’alcol? Quanto sono cambiate le abitudini d’acquisto dei correggesi nell’ultimo periodo? Per rispondere a questa domanda e far un po’ di chiarezza, ci siamo rivolti ad Andrea Paolini, direttore della società Supermercati del Po, proprietaria da alcuni anni dei due punti vendita Conad presenti nel nostro comune.

Ecco cosa ci ha spiegato: «Il primo momento di grande cambiamento corrisponde alla chiusura di inizio marzo. Da quel momento, sono andati a ruba i prodotti per la panificazione: farine, lieviti, in particolare lievito di birra. Tutto quello che è legato alla cucina fatta in casa è esploso, fino al punto che l’industria che la rifornisce è andata in difficoltà. Questo è dovuto al fatto che la gente si è ritrovata costretta a stare in casa con i ristoranti chiusi e ha iniziato a farsi da mangiare da sola. Se pensiamo ai dati relativi alla fine dello scorso anno, notiamo che i prodotti take-away e di gastronomia pronta andavano molto forte: le persone infatti avevano poco tempo per cucinare, mentre invece con la chiusura di marzo tutti hanno avuto modo di stare di più ai fornelli».

Quindi molto più tempo per prepararsi da mangiare, ma anche molte meno possibilità di uscire. Le persone hanno iniziato ad andare al supermercato una sola volta a settimana, riempiendo i carrelli più che potevano. «In pratica, è diminuito il numero delle spese ed è aumentato il valore del singolo scontrino» conferma Paolini, che aggiunge: «le persone compravano anche quello che non sapevano se avrebbero effettivamente usato. Prima di marzo molti seguivano le offerte in corso, mentre dopo ci si è orientati quasi solo verso i beni di prima necessità. I clienti hanno scartato quasi immediatamente il banco di salumi affettati e la gastronomia e c’era anche una certa diffidenza verso i reparti assistiti, anche se il personale serviva con guanti e mascherina. Il prodotto fresco ha avuto un vero e proprio tracollo nelle prime due settimane: in particolare il pesce e il pane fresco del reparto forno, che non si è ancora del tutto ripreso. Basti pensare che solitamente facevamo dai dieci agli undicimila scontrini a settimana, e siamo passati a cinquemila: a perderci sono stati i reparti che hanno maggiore attitudine alla frequenza». E gran parte di questi acquisti avvenivano anche per simulazione: tutti guardavano a cosa ci fosse nel carrello del vicino, e andavano subito a fare scorta di quello che “prendevano tutti”.

Marzo è stato quindi dominato dall’incertezza e dal bisogno continuo di accaparramenti; poi le acque si sono calmate, la situazione si è definita e le persone hanno visto che gli scaffali continuavano ad essere riempiti. Questa evoluzione ha riguardato anche il vissuto del personale, spiega Paolini: «All’inizio nessuno ci dava informazioni su protocolli definiti, non c’era nessuno che dicesse che mascherina e guanti fossero obbligatori. Noi abbiamo adottato i dispositivi di protezione già dall’otto marzo, ma all’inizio i dipendenti erano preoccupati, specialmente le cassiere. Abbiamo quindi dato tutti i dispositivi per rassicurare il personale e pian piano la cosa si è definita meglio, al punto che oggi ci siamo abituati a questo modo di lavorare. I clienti stessi si sono abituati: all’inizio mancava proprio la cultura del distanziamento e noi facevamo molta fatica. Nel tempo, le persone hanno raggiunto una certa educazione sociale e ora sono abituate a stare a distanza con molta calma: è tutto diventato ordinario».

Le cose si sono quindi calmate, e i supermercati diventano così capaci di offrire un servizio nuovo, ma allo stesso tempo il più possibile vicino alla normalità. Diventa però necessario avvicinarsi alle abitudini dei clienti e per questo motivo, rivela Paolini, Conad si sta attrezzando per andare incontro alle nuove esigenze. «In tanti ci hanno chiesto di attivare il servizio a domicilio, che non abbiamo mai avuto. Io ho fatto la scelta di non rischiare di provare a gestire qualcosa di non ancora strutturato, e di valorizzare al meglio il lavoro nel supermercato fisico. Ora però sono partiti alcuni test e dal 25 maggio daremo il via al servizio del ritiro della spesa al punto vendita di via Tondelli. Le persone potranno ordinare gli articoli da casa per poi ritirarli nel supermercato. Successivamente, se tutto procederà bene, sposteremo il servizio sull’altro punto vendita e poi ci struttureremo anche per le consegne a domicilio nel corso dell’autunno».

Di diversa natura è invece il servizio offerto ai consumatori dai piccoli punti vendita al dettaglio, primi tra tutti i forni. Più radicati nel centro storico e dotati di una clientela abituale molto forte, hanno visto anche loro modificarsi le abitudini di consumo. Per dare uno sguardo anche a questo mondo, abbiamo fatto qualche domanda al titolare del forno di via Carlo V, Marco Baccarani. Il primo interrogativo riguarda la clientela: com’è cambiata? «Abbiamo visto molte facce nuove, persone che non venivano prima» afferma Baccarani. «Solitamente abbiamo clienti abituali, mentre in questo periodo abbiamo notato tante persone che non conoscevamo prima e che hanno iniziato a venire regolarmente. Inoltre, se molti di solito entrano per prendere solo pane, gnocco o pizza, questo è cambiato subito con marzo: tante persone hanno iniziato a fare la spesa vera e propria. Noi abbiamo anche un piccolo market, quindi molti compravano lì anche salumi, formaggi, biscotti e via dicendo; successivamente, pian piano che uscivano i decreti, la situazione si è sempre più definita. Tuttavia, le persone che non volevano fare le lunghe file ai supermercati hanno iniziato a rivolgersi ad attività come la nostra, soprattutto per prodotti come lievito, farina e uova. Anche le paste hanno avuto molte più vendite, dal momento che i bar avevano chiuso».

I grandi cambiamenti e le novità non hanno attraversato solo i clienti, ma hanno dato una spinta senza precedenti all’iniziativa anche di piccole attività come quella di Baccarani. Un esempio tra i tanti è quello delle consegne a domicilio, che anche il forno Carlo V ha iniziato a fare. Infatti, prosegue il titolare: «Abbiamo una clientela più che altro anziana, essendo lontani anche dalle scuole. E dal momento che quella è proprio la fascia d’età a rischio, in molti ci hanno chiesto se potessimo portare noi la spesa a loro, quindi l’abbiamo fatto. Un’ultima cosa di cui sono molto contento», conclude Baccarani, «è stata la compostezza ed educazione della nostra clientela. Non è mai successo che ci fossero incomprensioni o lamentele».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su