Per Cottarelli la rinascita non può attendere

Il celebre economista ospite di primo piano

Parlare di economia non è certo facile, specialmente in un momento storico come quello che stiamo vivendo. Sono in pochi a riuscire farlo in modo chiaro e diretto, comunicando concetti complessi in modo semplice, con passione e onestà: Carlo Cottarelli è uno di questi. Il celebre economista è stato nostro ospite il 12 aprile, per una serata che ha riempito il nostro amato teatro di persone curiose ed interessate. I temi toccati sono stati tantissimi: dall’impatto della guerra sulla nostra economia al delicato rapporto tra i giovani e il lavoro, passando per l’importante occasione offerta dai fondi del PNRR. Ma ancora: si è discusso del rapporto tra la crisi demografica e la mancanza di forza-lavoro, dell’origine delle differenze da Nord e Sud Italia e della particolare forma di rinascita “sociale ed economica” che, secondo l’economista, può dare nuova vita all’Italia.
Ad intervistare Cottarelli è stato Mattia Mariani, direttore di Telereggio; le sue domande hanno cercato di indagare il ruolo che i grandi eventi del mondo hanno nei confronti delle persone e delle aziende del nostro territorio. Che impatto avranno le sanzioni belliche sulle nostre aziende? Investiremo ancora in paesi come la Russia o la Cina?
Queste e tante altre le questioni toccate nel corso di quasi un’ora e mezza di intervento, che potete trovare integralmente sul nostro sito www.primo-piano.info e sui nostri canali social.
La serata è stata realizzata da Primo Piano Incontri grazie al contributo di Studio Morandi, Evia srl, Carboni SpA, A.Mor srl ed ha avuto il patrocinio della Città di Correggio

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto