Meccanica, motore e cambio… di titolare

L’autofficina Ascari, ora ali Babar

Molte aziende nascono e muoiono nel giro di pochi anni, solo alcune durano decenni e si sviluppano. Tra queste, che passano di mano, quasi nessuna si tramanda linearmente dai nonni ai nipoti. Anche a Correggio, diverse imprese sono state acquistate da Fondi Comuni o grandi Multinazionali.

Questo destino non coinvolge solo quelle più grandi: anche le piccole possono seguire questa strada. Un dato interessante ed incoraggiante, d’altra parte, è il numero in costante crescita di lavoratori di origine extracomunitaria che diventano titolari d’impresa. A Correggio c’è una “case history” di successo, che merita la nostra attenzione: l’officina “Autoriparazioni F.lli Ascari”. La fondarono, nel 1982, i fratelli Fausto e Gianfranco. Avevano imparato il mestiere sul campo, vale a dire lavorando fin da ragazzi in officine meccaniche, prima come tornitori, poi passando alla riparazione di auto. «La formazione avveniva così», racconta Gianfranco «stando a stretto contatto con i meccanici esperti e cercando di afferrare quante più informazioni possibili. Poi ci vuole la passione per i motori, sentirne il rombo e riuscire a capire da lì qual è il problema».

Qui, nel piccolo ufficio adiacente alla linda officina di Via S. Martino 10, che ora ha assunto la denominazione di “Ascari-Ali” Snc, incontro Gianfranco Ascari e Ali Babar, il nuovo giovane proprietario, pakistano, dell’azienda. I due mostrano una grande intesa e fiducia reciproca, così chiedo loro di raccontarmi come è avvenuto questo singolare passaggio generazionale. Inizia Gianfranco: «Dalla prima piccola officina, posta all’inizio di viale Saltini, ci siamo gradualmente ampliati cambiando vari capannoni, assumendo personale operaio e impiegatizio fino ad approdare nell’attuale sede. La decisione di rimanere un’officina di riparazione multimarche, come in origine, si è consolidata anche dopo un’esperienza non esaltante come officina autorizzata Alfa Romeo; essere multimarche richiede però una costante formazione e aggiornamento tecnico.
In particolare, con l’avvento dell’elettronica e delle auto ibride o elettriche, la formazione è diventata un investimento; solo l’aggiornamento continuo ti permette di potere affrontare la costante evoluzione del settore auto.
A questo scopo, nei primi anni duemila, iniziammo una collaborazione con un Istituto scolastico di Guastalla, il “Centro di formazione professionale Bassa Reggiana”, un’ottima scuola il cui punto di forza era avere un grande laboratorio in cui i ragazzi potevano esercitarsi a smontare e rimontare motori e parti meccaniche.

Ogni anno la scuola ci mandava diversi studenti in stage: nel 2008, tra di loro, c’era Ali, che assumemmo tre anni dopo come apprendista. Per la sua serietà sul lavoro e per la sua grande passione per i motori diventò un elemento importante per la nostra piccola azienda. Ultimato il periodo di apprendistato, venne assunto come operaio. Nel 2017 mio fratello Fausto esce dalla società e in quel momento Ali diventa socio della F.lli Ascari; dopo circa un anno anche io esco dalla società e Ali ne diventa proprietario al 100% insieme al fratello Abbas Zaghan e assume me come operaio part-time».

Si illumina Ali Babar, fa un largo sorriso e commenta «e starai con me ancora per un bel po’!».  Ali, ora devi raccontare come sei arrivato a Correggio: «Mio padre era emigrato qui, dal Pakistan, nel 1997 e lavorava come operaio in una industria locale; una volta stabilizzato fece il ricongiungimento familiare e nel 2006, a 15 anni, venni a Correggio con mia madre, mio fratello e mia sorella. Frequentai subito la scuola di italiano (alla Cantona): io parlavo solo urdu, ma nel giro di sei mesi fui in grado di capire la lingua. Ciò mi permise di frequentare la scuola professionale a Guastalla, che mi ha dato delle ottime basi di meccanica. La mia grande passione per i motori qui in Emilia poi ha trovato un ambiente ideale».

 

La scelta di operare come autoriparatore multimarche richiede la conoscenza di un numero enorme di modelli di auto. Non è un mestiere particolarmente difficile?

«Sì servono solide basi di meccanica ma è anche vero che il principio del motore a scoppio è comune a tutte le auto: inoltre, le case automobilistiche tendono a riprodurre fedelmente e velocemente ogni innovazione che una casa lancia sul mercato, quindi i motori tendono ad una certa uniformità. Lo sforzo maggiore è essere sempre al passo con le innovazioni; per esempio, oggi è indispensabile essere dotati di diagnosi computerizzata, un’attrezzatura che consente di rilevare problemi o guasti all’auto attraverso la lettura della memoria delle centraline elettroniche delle auto. Più recentemente è avvenuta la rivoluzione elettrica: ora se non sai mettere mano in un’auto elettrica o ibrida, a breve sarai senza clienti. Per restare al passo ho frequentato ed ottenuto il diploma finale, sempre al CFP Bassa Reggiana, del corso di Operatore Meccatronico dell’Autoriparazione (un corso della durata di circa 130 ore), che mette in grado di effettuare la manutenzione complessiva e la riparazione del veicolo a motore a propulsione termica, ibrida ed elettrica».

 

Ali, la pandemia ha avuto ripercussioni sulla tua attività?

«Sì l’impatto è stato forte; tieni presente che le immatricolazioni nel 2020 sono calate del 30% circa,  principalmente a causa della crisi del Covid-19; nel periodo primaverile, quando le misure di contenimento sono state più restrittive, l’80% delle auto era in garage o ha percorso pochissimi chilometri, con un minor fabbisogno di manutenzioni e riparazioni. E la cosa non è finita! Ho dovuto mettere in Cassa integrazione Gianfranco per ridurre i costi aziendali!»

 

Per la ripartenza post covid-19 hai qualche idea in merito ad eventuali cambiamenti aziendali?

«Secondo me le persone saranno meno disposte a prendere i mezzi pubblici, mentre l’auto privata sarà vista come un mezzo più sicuro per spostarsi, quindi spero se ne farà maggior uso. E allora io prevedo di allargare la gamma dei servizi che offrirò al cliente: oltre alla riparazione meccanica anche le gomme, l’igienizzazione del veicolo e altri servizi complementari».

 

Ali, come ti sei trovato in Italia ed in particolare nella comunità correggese?

«Tra pochi mesi dovrei avere la cittadinanza italiana ed è uno obiettivo cui tengo molto, perché in Italia ed in particolare qui a Correggio mi sono trovato molto bene. Mi è stata data l’opportunità di svolgere un lavoro che mi piace, ho incontrato persone bravissime, ho fatto per due anni il volontario alla Croce Rossa (ora non riesco per motivi di lavoro), faccio parte dell’Associazione Pakistana di Reggio Emilia che ha la proprietà della moschea di Correggio. Insomma, sono contento di vivere qui anche se mantengo forti legami con il Pakistan e la città in cui sono nato (Mandi, vicino a Islamabad): ci torno ogni anno per le vacanze a trovare la famiglia e i parenti. Dimenticavo: ho comprato una casa in via Circondaria e quindi il mio futuro lo vedo in zona! Sto imparando anche il dialetto. Ste bein, a rivedres».

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna su