Maratone, che passione

Guido Menozzi, goloso di chilometri

Guido Menozzi, di professione macellaio presso il Centro Carni di Correggio ha un hobby, una passione, una malattia… Insomma, chiamatela come volete: la corsa. Guido corre, e corre tanto, visto che, come scopriremo parlando con lui, di strada ne ha fatta tanta e pensa di continuare a farne ancora per un po’ fino al raggiungimento del grande obiettivo che si è prefissato e che presto scopriremo.

 

Guido, come comincia la storia?

«Comincia verso i 30 anni. Corricchiavo e giocavo come tanti alla mia età fanno per mantenersi in forma. Visto che mi divertivo e l’appetito vien mangiando ho pensato nel 2001 di “mangiarmi” la Maratona di New York. Piatto indigesto, penserete voi per continuare la metafora… invece in seguito l’ho “mangiata” 17 volte consecutive».

 

Alla faccia della dieta! So però che non ti sei accontentato solo di quel piatto.

«No. Ho voluto abbuffarmi di chilometri: 7 volte maratona di Londra, una ciascuna per Boston, Vienna, Tromso (Norvegia), per finire con Tokio nel mese di febbraio 2018. Disputo al massimo due maratone all’anno, intervallate da tanta altre maratonine e corsette qua in Italia».

Ti sarai sfogato almeno un po’?

«Sì, almeno un pochino! Ma rimangono Berlino e Chicago per potermi fregiare dell’ambito riconoscimento di World Marathon Major. Si tratta di un titolo per coloro che hanno portato a termine le 7 maratone più importanti del mondo: New York, Londra, Boston, Chicago, Vienna, Berlino, Tokio. Spero di riuscirci entro il 2020!»

 

Grande Menozzi! Ma quando e quanto ti alleni?

«Quando posso dopo il lavoro e nei weekend con gli amici podisti della Podistica Correggio e i compagni ciclisti della Ciclistica Correggio, perché l’ultimo ghiribizzo che mi è sorto è stato di provare il Triathlon, quindi una disciplina che unisce corsa, bici e nuoto. Proverò anche questa impresa, partendo dal Triathlon di Cervia a giugno».

 

E tua moglie cosa pensa di tutti questi impegni?

«Sempre al seguito! Come prima tifosa, s’intende… Diciamo che lei ne approfitta anche per fare un po’ di turismo. Io ne faccio decisamente meno, ma va bene così».

Parafrasando il nostro concittadino Ligabue che “ballava sul mondo”… tu continua pure e “corri sul mondo”!

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto