Le difese immunitarie: dal cancro al covid 19

Interessante relazione di Alberto Mantovani per Primo Piano

Responsabilità sociale dello scienziato, dimensione internazionale della scienza, comunicazione rigorosa del progresso scientifico, dedizione totale alla medicina, collaborazione totale col proprio staff, rispetto reverenziale nei confronti dei dati. Sono solo alcune delle convinzioni, fatte proprie e messe in pratica, che caratterizzano Alberto Mantovani, professore emerito di Patologia generale all’Humanitas University di Milano e direttore scientifico dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas, che martedì 19 maggio è stato ospite dell’incontro “Le difese immunitarie: dal cancro al Covid-19”. L’incontro, organizzato da Primo Piano di Correggio per il ciclo di conferenze “Distanti ma insieme”, è visibile sulle pagine di Facebook e di YouTube di Primo Piano Correggio. La conferenza verrà inoltre trasmessa integralmente da Telereggio il 4 giugno prossimo alle ore 21.00.

Mantovani, oncologo per educazione e immunologo per vocazione, è il ricercatore italiano più citato nella letteratura scientifica internazionale, soprattutto per i suoi contributi nel settore dell’immunologia. A lui si deve il riconoscimento dell’infiammazione come meccanismo che può contribuire all’insorgere del tumore e al suo sviluppo, scoperta che ha rappresentato un cambio di paradigma per la società scientifica.

Mantovani è appena tornato in libreria con il libro “Il fuoco interiore. Il sistema immunitario e l’origine delle malattie”, che iniziò a scrivere un anno e mezzo fa, quando non immaginava che saremmo andati incontro ad una pandemia, non così in breve tempo, almeno. Tuttavia, il Covid-19 lo ritroviamo in molte pagine.

Esiste infatti un denominatore comune a entrambe le patologie citate: una componente infiammatoria (il “fuoco interiore”, appunto) fuori controllo. L’infiammazione è uno dei modi con cui il sistema immunitario contrasta le situazioni di pericolo, ma quando va fuori controllo può scatenare alcune delle malattie più diffuse del millennio, come il cancro, appunto. Se è così, le stesse conoscenze che man mano vengono acquisite nella lotta a questo virus potranno essere d’aiuto per comprendere meglio altri processi infiammatori e suggerire nuovi approcci verso le malattie croniche, e tra queste il cancro.

All’incontro col professor Mantovani, che ho avuto il piacere di presentare e moderare su invito di Primo Piano, hanno partecipato due personalità legate a Correggio: il direttore generale dell’Ausl di Reggio Emilia, Fausto Nicolini, e il fumettista, creatore di Lupo Alberto, Guido Silvestri, in arte Silver, che ha regalato al pubblico quattro vignette a tema.

 

Alessandra Ferretti, PhD, è giornalista scientifica e consulente di comunicazione nel settore medico-sanitario. Ha collaborato con diverse testate nazionali e internazionali su temi di economia, politica e sanità. Dal 2001 scrive per il Gruppo Sole 24 Ore, dove si occupa di tematiche mediche per le pagine specialistiche di Sanità 24. È responsabile dell’organizzazione di eventi e congressi medico-scientifici su tutto il territorio nazionale. Con Aliberti ha pubblicato “Si chiama cancro. Smettiamo di avere paura”, 2019. È in uscita, sempre per Aliberti, il suo: “SARS-Cov-2, imparare dal virus”

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su