La Correggio che verrà.

Con questa intervista alla sindaca Ilenia Malavasi vorremmo aprire una riflessione a più voci sul futuro della città. L’intento è di alzare lo sguardo sulla quotidianità per raccogliere idee e proposte su buone pratiche, temi irrisolti, esperienze in corso. A partire dagli strumenti di programmazione di cui l’Amministrazione comunale si sta dotando.

 

A Correggio è ancora in vigore il vecchio PRG (piano regolatore generale), approvato dal consiglio comunale nel 2000, che ha visto, nel tempo, attuare numerose varianti per rispondere alle esigenze della città, delle aziende e dei cittadini. Nello stesso anno la Regione aveva approvato una legge urbanistica che prevedeva la stesura di Piani Strutturali utili a definire le linee programmatiche da attuare attraverso Piani Operativi. Dopo la crisi economica iniziata nel 2008 si è aperta una nuova stagione urbanistica, animata da forti sensibilità ambientali. Al termine di un lungo confronto con i territori, gli Enti locali e le forze politiche e sociali, nel 2017 la Regione ha approvato una nuova legge urbanistica che prevede la stesura di PUG (Piani Urbanistici Generali), che devono andare a sostituire i PRG vigenti. La legge si pone alcuni precisi obiettivi: contenere il consumo di suolo, favorire la rigenerazione dei territori urbanizzati e migliorare la qualità urbana ed edilizia.

 

Come pensate di perseguire queste finalità e renderle compatibili con i bisogni del territorio?

«A partire dal 2008 – anno in cui si è evidenziata la crisi economica che tanti effetti ha avuto in vari ambiti della nostra economia – anche le amministrazioni pubbliche, tra cui quella di Correggio, hanno dovuto confrontarsi con una nuova situazione che ha comportato un drastico calo degli oneri di urbanizzazione e la necessità di rivedere alcuni dei progetti che avevano guidato lo sviluppo nel decennio precedente. Fortunatamente Correggio, da questo punto di vista, aveva già visto quasi concluso quell’espansione che aveva portato allo sviluppo delle frazioni, permettendo alla nostra città di raggiungere i 25mila abitanti (elemento che, tra le altre cose, all’epoca permise anche il mantenimento e il rafforzamento di alcuni servizi di cui tuttora beneficiamo). In seguito, l’amministrazione avviò un percorso di partecipazione relativo al PSC – lo strumento urbanistico allora previsto – coinvolgendo, oltre ai portatori d’interesse, anche scuole, associazioni, famiglie: ciò ha anticipato le linee guida, in tema di contenimento del consumo del suolo e di rigenerazione urbana, che poi sono state adottate a livello regionale. La realtà correggese – che pure, come molte altre, ha vissuto il passaggio da un territorio a vocazione prettamente agricola a comparto industriale, sviluppando solo più recentemente il settore legato ad attività e servizi – è riuscito a mantenere, negli anni, una propria identità e a garantire, nel complesso, uno sviluppo ordinato.

Dal momento della mia elezione, nel 2014, abbiamo affrontato un’enormità di temi e di difficoltà – non ultima la pandemia che stiamo tuttora vivendo – che, però, non ci hanno sottratto dall’impegno, messo nero su bianco anche nei programmi elettorali, rispetto alla cura del territorio e dell’ambiente, anche nel merito delle – in verità poche – scelte urbanistiche che ci siamo trovati a fare. Abbiamo comunque sempre privilegiato l’aspetto della condivisione e della partecipazione, sia per interventi legati alla mobilità – penso, per esempio alla ciclabile di Fosdondo – che per quelli riguardanti il recupero e la riqualificazione di edifici, come per esempio l’ex palestra Dodi. Ciò che mi preme sottolineare è che sono state approvate diverse varianti in riduzione, proprio per contenere il consumo del suolo e la tutela delle aree agricole. Attualmente i nostri uffici sono al lavoro per l’elaborazione dei documenti preliminari, che presto presenteremo alla città e che porteranno alla definizione del PUG, lo strumento urbanistico che andrà a definire i contorni della Correggio del prossimo futuro e per il quale continueremo a perseguire un’idea partecipativa. Correggio necessita del completamento o del ripensamento di alcune importanti infrastrutture viarie e, per quanto riguarda gli aspetti più prettamente abitativi, sono necessarie riqualificazioni e “ritocchi”, ma di certo lavoreremo per riqualificare e agevolare i recuperi edilizi, senza intaccare l’ambiente e la campagna circostante».

 

PP9

Nel vecchio PRG era prevista l’attuazione del PP9, piano particolareggiato molto discusso, che prevedeva la realizzazione di circa mille abitazioni e della tangenziale ovest, infrastruttura necessaria per scaricare il traffico che grava sull’ospedale, sulla zona delle scuole, degli impianti sportivi e in generale su via Circondaria. Cosa pensate di fare in proposito?

«Il Piano Particolareggiato PP9 – ora scaduto – fa parte di una storia che risale a oltre 20 anni fa, nel periodo nel quale si prevedeva una forte espansione urbanistica. È evidente a tutti che quel tempo è passato, così come sono cambiati bisogni e necessità, tant’è vero che in quella zona avremo un nuovo, grande parco al posto di case. C’è però una cosa che mi interessa sottolineare: quel piano urbanistico portava con sé la realizzazione di un’asse particolarmente importante che doveva collegare via Campagnola con via Fosdondo, completando così la tangenziale nord-ovest della città. Al di là delle ipotesi di tracciato, che sono da valutare, quella rimane un’opera indispensabile per la città, assolutamente necessaria per sgravare il centro cittadino dal traffico. Senza questa opera, infatti, il traffico proveniente dai comuni limitrofi – Campagnola o Rio Saliceto, per esempio – passa dalla zona dell’ospedale, polo nevralgico dei servizi della città, con impianti sportivi e istituti scolastici di primo e secondo grado. La concentrazione dei servizi e la mancanza di un asse viario adeguato generano una concentrazione di traffico che, in orari di punta, rallenta molto il passaggio nella zona nord ovest di Correggio. Personalmente penso che sia uno dei problemi più rilevanti da risolvere ed è necessario che nel PUG trovi adeguata soluzione».

 

aree dismesse

Un altro obiettivo che ha trovato difficile attuazione è il recupero delle aree dismesse poste nei dintorni del centro storico (ex mulino Brunetta, ex Cuccolini, ex farmacia delle piante…). Per alcuni il PRG prevedeva interventi di restauro e risanamento conservativo difficilmente conciliabili con le nuove funzioni o con la riconversione a fini residenziali. Sarebbe opportuna una revisione delle norme e in alcuni casi la demolizione senza ricostruzione con trasferimento delle volumetrie. Avete maturato qualche orientamento?

«Si tratta di aree per la maggior parte di proprietà privata per le quali, ovviamente, ogni discorso deve tenere in conto la volontà e le intenzioni dei proprietari. Quelli citati sono edifici posti in luoghi particolarmente “sensibili”, alle porte del centro storico, che richiedono un’analisi del contesto circostante e dell’importanza storica e architettonica che contraddistingue il nostro centro abitato. Si tratta di aree che hanno storie diverse, alcune delle quali – per esempio l’ex mulino – solo da poco non sono più abitate. Altre, come l’ex Cuccolini, invece, negli anni ha conosciuto diverse destinazioni d’uso, ma è ovvio che non faccia piacere a nessuno ritrovarsi con edifici vuoti e per i quali occorre comunque provvedere alla manutenzione da parte di proprietà, a volte nemmeno di Correggio. Sono tutte situazioni che stiamo seguendo con attenzione, in costante dialogo e confronto con i tecnici incaricati dalle singole proprietà. Si tratta di spazi preziosi, in parte già inclusi nel PRU, che possono essere riconvertiti a “nuova vita” con funzioni sia residenziali sia di terziario/servizi. Le operazioni di rigenerazione urbana vanno sostenute, se necessario, anche revisionando alcune norme, senza snaturare storia e contenuto».

 

quartieri storici

I quartieri degli anni ‘60-‘70 (villaggio artigiano, Cantona etc.) sono nati senza le dotazioni che spesso definiscono la qualità urbanistica di un insediamento. Mancano pedonali, ciclabili, parcheggi, zone verdi. Molte abitazioni in questi anni sono state compravendute e ristrutturate, ma gli interventi hanno riguardato il singolo edificio e poco hanno inciso sulla qualità dei luoghi. Si potrebbero redigere dei Master Plan che definiscano i principi generali e permettano nel tempo di riqualificare anche gli spazi pubblici. Cosa ne pensa?

«Sono d’accordo con il quadro generale descritto da questa domanda, anche se è vero che la singola ristrutturazione, quando è fatta bene, contribuisce comunque a migliorare la situazione non solo del singolo lotto, ma dell’intero quartiere. Per quanto riguarda i “Master Plan” – così come per tutte le altre, indispensabili, operazioni di studio e approfondimento – possono essere opportunità se portano a risultati concreti ed attuabili nel contesto della complessità dell’amministrazione di una città, che deve tener conto di una molteplicità di fattori e interessi. Nei quartieri di cui parliamo esistono certamente problemi legati all’estremo frazionamento delle unità fondiarie o alla disponibilità di aree pubbliche, per cui, per esempio, un Master Plan potrebbe individuare la possibilità di intervenire su lotti minimi e in più stralci. In ogni caso, ben vengano i “Master plan” se questi aiutano a inquadrare meglio una determinata situazione e a sviluppare progetti di riqualificazione, ma non se devono restare su carta, come una sorta di elogio alle buone intenzioni. Non credo, però, che nelle zone citate – tra l’altro, molto diverse tra loro per storia e sviluppo urbanistico – manchino zone verdi. Credo invece che siano zone ormai prettamente residenziali, che hanno bisogno di alcuni interventi per generare una residenzialità di qualità anche in futuro».

 

centro storico

Gli incentivi fiscali degli ultimi anni hanno promosso il recupero di molti edifici, ma rimane ancora tanto da fare. Per migliorare la qualità del centro storico si potrebbe ipotizzare un uso strategico delle aree dismesse che lo contornano prevedendo garages, parcheggi, e così via.

Come pensate di promuovere il recupero e la riqualificazione del centro storico?

«In questi anni abbiamo lavorato moltissimo sul tema del centro storico. Abbiamo rilanciato le fiere e creato nuove opportunità ed eventi, abbiamo potenziato il nostro ufficio dedicato al turismo, abbiamo valorizzato, attraverso una molteplicità di canali, il nostro patrimonio artistico e storico. Grazie anche a numerosi incentivi, abbiamo visto rinascere in tutta la loro bellezza singoli edifici, sebbene spesso queste siano dinamiche che vanno oltre il raggio d’azione e la competenza di un ente pubblico. Basti pensare, per esempio, al recupero di “Palazzo Resciniti”, in corso Mazzini, o ai numerosi interventi che partiranno grazie al “Bonus 110”, che aiuterà a riqualificare ancora di più facciate, edifici e palazzi. Non c’è dubbio che la bellezza del centro cittadino dipenda dalla cura anche degli edifici privati. Per quanto riguarda la mia amministrazione, crediamo sia stato importante la riqualificazione del passaggio che porta dalla Galleria Politeama al via Conciapelli, chiuso o in stato di recupero dai tempi del terremoto. Uno sforzo davvero straordinario lo stiamo conducendo inoltre sull’edificio del Convitto, un cantiere da oltre tre milioni e mezzo di euro che restituire alla città un edificio enorme, completamente restaurato e di grande bellezza, comprendente anche un teatrino. Questa sarebbe, quasi da sola, un’operazione in grado di caratterizzare un intero mandato amministrativo. Inoltre, grazie alla grande generosità dei coniugi Bertani, saremo in grado di recuperare e offrire alla città proprio una di quelle aree dismesse di cui parlavamo prima. Mi riferisco, ovviamente, all’ex caserma dei carabinieri, che troverà nuova vita come casa della cultura, che amplierà i servizi e gli spazi a disposizione della città. Siamo impegnati anche sull’ex palestra Dodi e su Palazzo Contarelli, che candideremo al bando regionale per la rigenerazione urbana».

 

viale dei mille / tangenziale sud

Viale dei Mille è una sorta di tangenziale interna alla città, con una notevole intensità di traffico. Su questa via insistono anche industrie dismesse per le quali dovranno essere individuate funzioni compatibili. La realizzazione del tratto mancante della tangenziale sud in parte allevierà questi problemi, ma quali altre soluzioni pensate di adottare?

«È intenzione dell’amministrazione lavorare perché viale dei Mille ritorni a essere una strada – per quanto larga – di città e non quel sostanziale tratto di tangenziale com’è attualmente vissuta, tramite il completamento degli interventi sulla viabilità esterna alla città, in particolare per quel che riguarda la tangenziale sud, che permetterà di alleggerire il centro dal passaggio di mezzi pesanti e automobili. Correggio è un territorio importante, tra Reggio e Carpi, zona di passaggio che necessita di completare gli assi viari esistenti per tutelare al meglio la città. Sempre per quanto riguarda viale Dei Mille, abbiamo già messo in cantiere migliorie rispetto alla situazione attuale, come, per esempio, la nuova rotatoria in programma nell’incrocio prospiciente il polo delle scuole medie».

 

Nella legge regionale N. 24 del 2017 i punti c) d) e) si pongono come obiettivo di “Tutelare e valorizzare il territorio nelle sue caratteristiche ambientali e paesaggistiche”. Poi con molta saggezza al punto “g” si pone l’obiettivo di “Promuovere maggiori livelli di conoscenza del territorio e del patrimonio edilizio esistente per assicurare le azioni di tutela”. Cittadini consapevoli e culturalmente coscienti sono tutori del patrimonio più delle normative. Cosa pensate di attivare da questo punto di vista?

«Oltre al recupero di un monumento importante come la Torre Civica, negli ultimi anni abbiamo lavorato proprio per far conoscere Correggio in particolare ai correggesi, promuovendo un gran numero di visite guidate dedicate al nostro patrimonio o, più nello specifico, ai luoghi di memoria allegriana o ai percorsi naturalistici. Sono occasioni sempre molto partecipate, che hanno riscosso interesse e che continueremo a promuovere proprio nell’ottica di sviluppare, sempre più, la conoscenza ed il legame con il territorio e la città, elementi che portano necessariamente ad un accrescimento della cura e dell’attenzione consone a beni che tutti devono considerare propri. A fianco di questo abbiamo incentivato le occasioni per la “pulizia” del centro storico e delle aree verdi, coinvolgendo scuole e associazioni, ottenendo un ottimo riscontro. Continueremo in questa direzione, perché conoscenza e partecipazione sono investimenti strategici per far crescere una comunità responsabile, coesa e orgogliosa del territorio in cui vive».

 

Infine la legge si propone l’obiettivo di “Promuovere le condizioni di attrattività del sistema regionale e dei sistemi locali per lo sviluppo, l’innovazione e la competitività”. Nel nostro territorio per il momento non vi sono state delocalizzazioni, ma a livello nazionale il fenomeno sta prendendo piede. Quali iniziative l’amministrazione intendere mettere in campo per rendere attrattivo il nostro territorio ed evitare trasferimenti?

«Questo è un argomento che, necessariamente, non può competere a un singolo Comune. Come dimostrato dagli ampliamenti di diverse realtà industriali e imprenditoriali locali, siamo sempre stati attenti a favorire lo sviluppo economico delle nostre imprese, che stanno continuando a investire nel nostro territorio. Correggio è una zona ben servita, che offre servizi di qualità ed imprese eccellenti, per lo più ancora solidamente in mano alle famiglie che le hanno create. Qui le aziende investono e assumono personale. Il Comune deve certamente fare la propria parte, continuando a garantire un territorio in grado di offrire opportunità, servizi e un’alta qualità della vita, in una posizione geografica assolutamente eccezionale, tra il Brennero e l’A1. Durante la pandemia, e prima ancora con la crisi economica, abbiamo riscontrato una tenuta dell’economia migliore rispetto alla media regionale e tuttora abbiamo aziende che crescono, con piani di sviluppo importanti. Certo, non dipende tutto da noi, ma le imprese sanno che siamo molto attenti ad ascoltare i loro bisogni, per sostenerle e continuare a garantire posti di lavoro. La complessità di certe dinamiche – economiche, produttive, persino geopolitiche – rende sempre più necessaria, però, un coordinamento sovracomunale, ed è anche per questo che personalmente auspico un recupero completo del ruolo amministrativo e politico della Provincia».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su