La cooperativa progeo sceglie correggio

L’acquisizione dello storico “mangimificio storchi”

Sono esattamente 17,7 i chilometri che separano il mangimificio “STORCHI”, nel cuore dell’area industriale di Correggio, dalla sede principale di PROGEO, a Masone di Reggio Emilia. Si taglia tra San Biagio e Fazzano e si passa da Castellazzo, girando poi a sinistra appena prima della parrocchia di San Giacomo. La cosa potrebbe risultare di dubbio interesse, per chi ancora non sa che PROGEO ha di recente acquisito proprio lo storico marchio con il moderno mangimificio. E i famosi 17,7 chilometri hanno fatto proprio una sostanziale differenza.

PROGEO s.c.a. (Società Cooperativa Agricola) è una delle più importanti cooperative agricole italiane: associa singoli agricoltori, loro famigliari e società di varia natura operanti nella produzione agricola e zootecnica. É una realtà più che maggiorenne (nasce formalmente nel 1992, anche se dall’unificazione di cooperative che risalgono all’immediato dopoguerra) e ha raggiunto i 12.000 soci, di cui circa 3000 in provincia di Reggio: 200 risiedono proprio a Correggio.

Dunque non esattamente una scelta di campanile… oppure sì?

Il dott. Marco Pirani, da 13 anni alla guida del vascello, sorride: «Bisogna prima capire come funziona PROGEO e cosa vogliamo per il suo futuro. PROGEO è una cooperativa agricola con tre mestieri: produce mangimi, produce farine per l’alimentazione umana e trasforma o commercializza produzioni agricole dei soci. Queste tre anime non sono però separate, bensì vengono gestite in sinergia seguendo una filosofia aziendale che è legata all’appartenenza a filiere organizzate di produzione. Questo significa che da sempre cerchiamo di fare mangimi collegati al prodotto alimentare finale: parliamo di Parmigiano Reggiano, di produzioni suinicole antibiotic-free, di produzioni certificate non-OGM, e mangimi biologici. E per fare questo abbiamo costruito un’impresa che non si confronta con competitori omogenei ma con realtà settoriali e molto segmentate per offerta, come molini di grano, società di sola mangimistica e consorzi agrari. La nostra è perciò una modalità imprenditoriale praticamente su misura».

Ad oggi la strategia si è dimostrata particolarmente vincente in termini di fatturato e qualità del prodotto, sia intermedio che finale. Una mission aziendale dunque orientata alla promozione e valorizzazione delle filiere necessarie alle produzioni italiane di qualità, soprattutto sul territorio, i cui punti di forza sono la capacità di mettere in relazione gli interlocutori all’interno della produzione (l’azienda agricola, l’allevatore, il macello, il salumificio, il caseificio) e la forza commerciale affidata ad una estesa rete specificamente addestrata a fornire servizi e assistenza tecnica aggiornata, rivolta alle esigenze della clientela ed alla sua capacità di miglioramento imprenditoriale.

«L’acquisizione di “STORCHI MANGIMI” è frutto di un duplice ragionamento» continua il dott. Pirani, «perchè PROGEO ha già 3 stabilimenti per la parte mangimistica: uno a Masone e uno a Sorbara, più uno a San Vito in Tagliamento (Pordenone), acquisito per diversificazione territoriale; tutti impianti attualmente utilizzati a pieno regime. Avevamo quindi già in animo di cercare un quarto impianto per rispondere alle esigenze produttive. Allo stesso tempo, i brandOGM-free” e “biologico” (che per PROGEO vogliono dire una produzione di 500 mila quintali) richiedono strutture completamente dedicate, per il rispetto delle linee guida imposte dalle certificazioni. Si è quindi manifestata la necessità di una flessibilità resa possibile solo con l’acquisto di un quarto impianto. Preferibilmente localizzato in zona industriale, per ovviare alle difficoltà di vicinanza con centri abitati. Cercavamo qualcosa di baricentrico rispetto ai mercati di riferimento della filiera del Parmigiano Reggiano, con del potenziale sia in termini di aumento di capacità ma anche di flessibilità produttiva (mobilità dei dipendenti, movimentazione dei carichi, ecc)».

 

Ma questi 17,7 chilometri?

«Questi 17,7 chilometri rendono il mangimificio di Correggio ottimale secondo criteri strategici: una localizzazione centrale nella zona del Parmigiano Reggiano, e a soli 15 minuti dallo stabilimento di Masone e a 20 minuti dall’altro impianto PROGEO di Sorbara. STORCHI MANGIMI è una realtà imprenditoriale già viva, pienamente operativa, uno stabilimento efficiente ma con potenzialità produttive inespresse immediate e ancora di più prospettiche. Noi ci vediamo un solido margine di espansione legato ad una qualificazione del lavoro del “mangimista”, che siamo decisi a concretizzare in 3 parole chiave: sostenibilità, riduzione delle emissioni e benessere animale».

 

Questa filosofia di PROGEO è evidente, perché il suo continuo investimento nell’innovazione per la qualità è storia più che leggenda. Alla ricerca interna, legata allo sviluppo di formulazioni che migliorino la combinazione fra le materie prime per garantire all’allevatore la massima redditività, si accompagna da tempo la presenza costante nel panorama della ricerca sperimentale sul versante agricolo. PROGEO è stata premiata dal Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 (finanziato dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale dell’Unione Europea) con 3 progetti triennali finalizzati alla produzione di varietà di grani antichi e di mais a basso impatto idrico, appena conclusi; più altri tre in via di svolgimento. Tra essi c’è “Happy Milk”, un Gruppo Operativo per l’Innovazione in cui è partner con 10 aziende agricole di Reggio Emilia e col Centro Ricerche per le Produzioni Animali. Si progetta la creazione di un sistema di supporto decisionale integrato per ottenere l’ammodernamento delle strutture di allevamento, il miglioramento del benessere animale e l’ottimizzazione dei parametri produttivi, riproduttivi e igienico-sanitari.

«Parlare di un’agricoltura europea competitiva e sostenibile è imperativo. L’innovazione è fondamentale, perché sappiamo che esisterà sempre meno un’unica formula standardizzata d’impresa, come era abitudine del sistema zootecnico. E lo sappiamo perché i “nostri” allevatori si trovano oggi molto spesso al vertice delle classifiche regionali di produttività e qualità».

In tempo di COVID, una società agricola cooperativa ha deciso di investire sul futuro percorrendo quei 17,7 chilometri che separano Correggio da Masone.

 

PROGEO ha chiuso l’ultimo bilancio con un fatturato di 250 milioni di euro, realizzato da 250 dipendenti. Produce mangimi (circa il 75% del fatturato), farine di grano tenero ad uso alimentare, e ritira la produzione cerealicola dei soci, che in parte trasforma e in parte vende. La mangimistica ha raggiunto nel 2019 i 4,5 milioni di quintali di venduto, che la pongono tra i primi 3-4 operatori nazionali del settore. Vanta 4000 clienti nel settore mangimistico e 3000 aziende agricole per il conferimento.

La STORCHI MANGIMI è stata fondata nel 1960 da Wando Storchi: in quegli anni a Correggio erano una dozzina i produttori di mangimi o i magazzini che li commercializzavano. La prima sede fu in via Alighieri, finché non venne costruito il moderno stabilimento in via Dell’Industria.

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna su