Il vaccino anti covid anche dai medici di base

È la novità di questa nuova fase della lotta alla Pandemia

Per la quarta e la quinta dose del vaccino anti Covid possiamo andare anche dal nostro medico di base. La buona notizia si è diffusa alla fine di ottobre, poco prima dell’inizio (il 24 ottobre) della nuova campagna per la vaccinazione antinfluenzale. I due vaccini possono anche essere somministrati contemporaneamente. Quasi tutti i medici di base del nostro distretto sanitario hanno aderito all’indicazione della Regione Emilia Romagna di effettuare la vaccinazione anti Covid. Resterà comunque attivo il punto vaccinale presso Il Centro Prelievi “Vittorio e Augusto Lodini”, cui i cittadini potranno rivolgersi, in considerazione dell’aumento della richiesta vaccinale per via della recentissima introduzione della quinta dose.

La quinta dose è raccomandata a tutte le persone di ottant’anni e oltre, agli ospiti delle strutture residenziali per anziani e ai cittadini a rischio oltre i sessant’anni; quest’ultimi potranno comunque richiederlo anche senza gravi patologie pregresse.

Per questa ulteriore dose di richiamo, che sarà effettuata con vaccini a m-RNA bivalenti adattati alle varianti (original/omicron BA.1 o original/omicron BA.4-5), è necessario che siano trascorsi almeno quattro mesi dalla somministrazione della terza o quarta dose con vaccino monovalente o dall’infezione da SARS-CoV-2; in questo caso la data di riferimento è quella del primo tampone positivo.

La somministrazione dei vaccini anti Covid – come specificano le indicazioni nazionali – può essere effettuata contemporaneamente o a qualsiasi distanza di tempo con i vaccini antinfluenzali (in Emilia-Romagna la campagna partirà lunedì 24 ottobre) e qualsiasi altro vaccino, compresi quelli a virus vivo attenuato; sola eccezione è quello contro il vaiolo delle scimmie, per il quale resta valida l’indicazione di un intervallo minimo di ventotto giorni tra una vaccinazione e l’altra.

Per quanto riguarda la vaccinazione contro l’influenza (che secondo gli esperti quest’anno sarà di intensità medio-alta) è gratuita e fortemente raccomandata per:

–   persone con malattie croniche, di ogni età

–   donne in gravidanza o nel periodo del parto

–   persone ricoverate in strutture per lungodegenti di ogni età

–   medici e personale sanitario di assistenza nelle strutture sanitarie, socio sanitarie e socio assistenziali

–   persone di età pari o superiore a 65 anni.

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto