Il cinema a teatro

Questa foto del 1948 mette in evidenza, addossato alla balconata del Teatro Bonifazio Asioli, il manifesto pubblicitario di una rappresentazione cinematografica: “Il Capitano di Castiglia” (regia di Henry King e tratto dal romanzo di Samuel Shellabarger, racconta in maniera romanzata la conquista del Messico dell’armata di Hernan Cortez).

Dal 1942, infatti, il Teatro era stato concesso in affitto a un privato che lo aveva destinato   principalmente a uso cinematografico, e per circa un ventennio le rappresentazioni sceniche erano state quasi del tutto eliminate. Solo nel 1960 il Comune, per rientrarne in possesso, intraprese una lunga vertenza giudiziaria, che vinse dopo due anni. Trovandolo danneggiato negli impianti, nei servizi e nelle decorazioni, decise di avviarne un’importante opera di ristrutturazione e restauro. Iniziati nel 1968, i lavori si conclusero con l’inaugurazione dell’edificio il 18 novembre 1973. Nuovamente chiuso nel 1991 per opere di manutenzione e di adeguamento alle norme di sicurezza, fu gravemente danneggiato dal sisma del 1996. Completamente restaurato, il Teatro  riaprì al pubblico il 3 novembre 2002.

 

 Breve storia del Teatro
L’attuale Teatro Comunale ‘Bonifazio Asioli’ sorge là dove, sul finire del Quattrocento, Niccolò Postumo da Correggio fece erigere il proprio Palazzo, forse riadattando gli spazi di una precedente fortificazione di cui si hanno notizie documentate a partire dal 1476. Sul finire del XV secolo e nei primi anni del XVI, la corte di Correggio conobbe una stagione culturale particolarmente ricca e attiva, grazie alla presenza di personaggi quali il ricordato Niccolò e Veronica Gambara. In tale contesto non poteva mancare una particolare attenzione per l’attività teatrale, tanto di genere erudito, quanto popolare, che si svolgeva negli ambienti di corte, tra cui, appunto, il Palazzo di Niccolò Postumo. La devoluzione dello Stato correggese al Duca di Modena e Reggio nel 1635 e il mutato clima politico non segnarono la fine dell’attività teatrale: al contrario, essa divenne ancor più vivace, con il coinvolgimento di più ampi settori della società civile del tempo, tanto che, nel 1642, il Governatore estense concesse ai giovani correggesi l’uso di una sala per allestire una commedia.

 

Un decennio più tardi, nel 1653, il Duca Francesco I accordò l’uso di una sala dell’antico Palazzo di Niccolò (la cosiddetta Sala Grande), quale spazio teatrale permanente. Verso la metà dell’Ottocento il Teatro venne ricostruito; i lavori si conclusero nel 1852, con un nuovo edificio dalla caratteristica sala ‘a ferro di cavallo’. Le operazioni furono poi completate nel 1873 con la costruzione della facciata (su progetto dell’ingegner Tegani, già impegnato nei lavori del Teatro municipale di Reggio Emilia).

 

Intitolato nel 1863 ad Antonio Allegri e nel 1880 a Bonifazio Asioli, il Teatro fu devastato nel settembre 1889 da un furioso incendio e riaperto dopo otto anni. Nel gennaio 1909, durante una proiezione cinematografica, un secondo incendio causò due morti e decine di feriti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Rubriche

Torna su