Grazie, Germano

L'ultimo saluto ad un grande correggese

Germano Nicolini ci ha lasciato. Cent’anni di rettitudine, abbiamo scritto su Primo Piano un anno fa, quando festeggiammo il suo secolo di vita.

Proprio così. Perché tutta la sua vita è stata una luminosa testimonianza di coerenza, di umanità, di coraggio. Le sofferenze, le ingiustizie non lo hanno mai piegato. Voleva un mondo migliore. Non ha mai smesso di ricordarcelo, a testa alta, mai rassegnato, in tante occasioni.

La verità e la giustizia erano la sua fede: ne fu indomito seguace, sempre. Amava Correggio come la sua famiglia. Anche a Primo Piano ha sempre riservato affetto, attenzione. Ce lo portiamo nel cuore.

Grazie Germano: che il tuo esempio ci aiuti a superare le difficoltà del tempo presente ed a impegnarci per un mondo migliore.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su