GERMANA, sorella dei più poveri del mondo

La missionaria correggese si è spenta in Malawi

Se si pensa agli italiani all’estero, che siano o meno nostri concittadini, viene quasi automatico pensare ai giovani che lasciano il nostro paese per lavoro, per vedere riconosciute maggiormente le proprie competenze o semplicemente per tentare la fortuna.

Ma tra i nostri connazionali che lasciano l’Italia sono numerose le persone che si recano verso la parte più povera del mondo per mettersi al servizio dei più fragili.

Germana Munari ha lasciato prima Correggio e successivamente l’Italia da giovanissima, per recarsi come missionaria laica in Africa. Lo scorso 8 Marzo è deceduta proprio nel luogo della sua missione: ci aiuta a ricordarla don Walter Rinaldi, sacerdote storico di Correggio presso la parrocchia Nostra Signora di Fatima e amico della missionaria.

 

Don Walter, chi era Germana Munari? Com’è arrivata in Africa nascendo a Correggio?

«Germana è nata a Correggio nel 1938 da una delle famiglie “storiche” della frazione di San Biagio. Con la morte del padre, si è trasferita con la famiglia a Carpi, pur frequentando il nostro liceo classico Rinaldo Corso. Dopo il diploma è entrata nelle Francescane Ausiliarie Laiche Missionarie nella sede di Roma. Proprio nella capitale consegue la laurea in medicina e chirurgia, mentre a Dublino ha ottenuto la specializzazione di “medico internazionale”, con particolare attenzione alle malattie tropicali. È partita per l’Africa nel 1963 alla volta del Malawi, dove ha vissuto la sua vocazione di missionaria laica e di dottoressa, in un contesto estremamente povero».

 

Cosa ha voluto dire per Germana essere missionaria in Malawi?

«L’attività principale era sicuramente quella ospedaliera, che la teneva occupata per la maggior parte del tempo, con una particolare attenzione verso le persone più povere, che in Malawi sono molto presenti.

Nonostante il grande impegno in ospedale, però, si è fatta promotrice di numerose iniziative nel corso degli anni, riuscendo sempre a coinvolgere anche le sue amicizie correggesi e carpigiane».

 

È quindi rimasta legata alla sua terra di origine in questi anni?

«Assolutamente! Una cosa che l’ha sempre caratterizzata è stata la capacità di mantenere vive e, anzi, ampliare la sua rete di relazioni tra Correggio e Carpi. Siamo sempre rimasti in contatto, ci ha sempre tenuto ad aggiornare le nostre comunità parrocchiali sulla vita missionaria in Africa ed a renderci collaboratori attivi. Ricordo in particolar modo il coinvolgimento per le “Adozioni a distanza”, cui teneva particolarmente, perché ha permesso la scolarizzazione di centinaia di bambini.

Era sempre molto attiva, basti pensare anche nel Dicembre 2019 la dottoressa aveva fatto la richiesta di poter avere una campana per la chiesa del villaggio di cui si occupava. Fortunatamente, appena prima dello scoppio della pandemia, siamo riusciti ad esaudire questo desiderio ed effettivamente dalla parrocchia di San Biagio è partita una campana che è arrivata in Malawi in tre giorni».

 

I suoi funerali sono stati quindi celebrati in Africa?

«Sì e, come ci ha scritto una sua consorella, sono stati molto partecipati e presieduti dall’Arcivescovo locale. Una folla di gente, operatori ospedalieri, suore e laici, ha ricordato la sua dedizione ai malati, ai poveri, il suo spirito di servizio e di carità, vissuto alla luce della preghiera».

 

Germana Munari era una persona minuta, esile, ma si susseguono numerose tra il Malawi, Correggio e Carpi  le testimonianze delle persone con cui era legata e che riusciva a coinvolgere, nonostante la distanza e i mezzi non sempre tecnologici, in progetti di costruzione di pozzi, asili, chiese e servizi ai più poveri.

Una concittadina che ha vissuto la sua vita in Africa, portando sempre Correggio nel cuore e riuscendo ad avvicinare tanti correggesi ad una realtà a noi così distante fisicamente e non solo.

Il suono della campana che da San Biagio l’aveva raggiunta in Malawi risuona così dall’Africa alla nostra città, ricordandoci l’esempio silenzioso di Germana e di quanti, ogni giorno, si spendono per i più poveri.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su