Educare, per loro, è cosa di cuore

Dopo 35 anni sospesa la presenza delle salesiane al San Tomaso

Entrando alla scuola San Tomaso, salendo le scale di sinistra, dopo i primi faticosi gradini è quasi impossibile non incrociare lo sguardo di don Bosco: pur essendo solo una foto, i suoi occhi sembrano scrutarti nel profondo, non con giudizio ma con quell’attenzione che ha attirato tanti ragazzi nel corso del sua vita.

Sono ormai tanti anni che salgo quelle scale, prima da alunna e poi da insegnante, e ogni mattina lo sguardo di don Bosco mi dà il benvenuto a scuola: una bella fortuna!

Don Giovanni Bosco è considerato il “padre, maestro ed amico” della gioventù da quando, a metà del 1800, decise di dedicare la sua vita ai giovani, per dare quella dignità e affetto che la società dell’epoca non riconosceva loro. Dal piccolo gruppo di ragazzi con cui ha iniziato a fare oratorio a Torino, il suo amore per i giovani è arrivato con i sacerdoti della Società Salesiana da lui fondata in tutto il mondo….e anche a Correggio!

Dal 1985 sono presenti nella nostra città le Figlie di Maria Ausiliatrice, ramo femminile dei salesiani fondato da Madre Maria Mazzarello, chiamate dall’allora parroco di San Quirino don Alcide Mariotti che affidò loro la scuola magistrale precedentemente guidata dalle suore domenicane.

Da allora lo sguardo di don Bosco ha davvero preso vita e concretezza attraverso la presenza e l’opera delle Figlie di Maria Ausiliatrice, anche note come FMA.

Ricordiamo la prima direttrice, suor Maria Carera, che con suor Olga Mainini, suor Maddalena Perini e suor Angela Cesis si è occupata della presa in carico dell’istituto magistrale e dell’apertura della scuola media: una ventata d’aria fresca che ha coinvolto non solo materialmente l’istituto ma tutta la comunità correggese.

L’approccio delle salesiane si può riassumere con l’espressione tanto cara a don Bosco, “l’educazione è cosa di cuore”: in più di 35 anni di presenza a Correggio sono davvero tanti i bambini, gli adolescenti e i giovani che hanno potuto sperimentare la bontà delle suore di don Bosco.

Con grande dispiacere è quindi stata accolta la notizia, di quest’estate, che la comunità correggese delle FMA viene sospesa, fino a data da destinarsi. Rimane l’impegno della direttrice, suor Barbara Noto, per un paio di giorni a settimana come insegnante presso il Liceo delle Scienze Umane, ma avendo come base Bibbiano. Rimane fissa a Correggio suor Lisa Bianchi per gli scolastici e pastorali nella nostra città; suor Gabriella Colombelli, invece, dopo diversi anni a Correggio, è passata a Formigine in via permanente. La sospensione della comunità non è quindi definitiva, ma sicuramente segna un cambiamento nella presenza salesiana a Correggio.

Purtroppo il calo delle vocazioni che sta colpendo gli ordini e le congregazioni religiose impone una riorganizzazione delle risorse economiche e umane, arrivata fino alla nostra città.

In questi trentacinque anni i semi di bene sparsi dalle suore salesiane sono stati tanti e per tutti: non solo l’impegno scolastico, ma anche la collaborazione pastorale con la parrocchia di San Quirino ed un occhio particolare per la formazione dei giovani impegnati come educatori ed animatori nelle realtà parrocchiali correggesi.

Sull’esempio di San Giovanni Bosco, i salesiani e le salesiane sono abituati a stare al fianco della gioventù per accompagnarla, intercettarne i desideri e curarne la crescita per essere “felici nel tempo e nell’eternità”. Un carisma che ha bisogno di tradursi concretamente perché – come diceva Don Bosco – “non basta amare i giovani: occorre che loro si accorgano di essere amati”.

Quanto c’è bisogno di attenzione e affetto concreto verso i giovani! Le suore FMA non si sono mai tirate indietro e, nelle forme più disparate, l’amorevolezza ai piccoli e ai giovani è arrivata: penso, per esempio, a suor Olga Panini e alla sua carismatica presenza alla scuola media negli anni ’90, a suor Dantina e al suo “ti venisse la coda” con cui apostrofava confidenzialmente i ragazzi che compravano le merendine da lei durante l’intervallo, a suor Anna Maria, attenta direttrice durante i primi anni del 2000, a suor Marisa che mi ha personalmente guidata giù dalle scale dopo la scossa del 1996, a suor Luisa Menozzi che ha accompagnato decine di educatori alla Scuola salesiana di Formazione Animatori a Bologna, curato i Grest proponendo le prime iniziative di respiro correggese, suor Enrica Martignon e i “buongiorno” con cui ritagliava un momento di riflessione durante la settimana, prima di tuffarsi nella lezione alla scuola elementare, e l’indimenticabile suor Anna, che proprio l’anno scorso ci ha lasciati. I nomi da ricordare sarebbero tanti e si rischierebbe di dimenticarsi ingiustamente qualcuna: ad ognuno sono legati volti, famiglie, gesti e attenzioni date e ricevute.

C’è chi è rimasta tanti anni, chi è si è fermata per poco, chi è tornata dopo qualche tempo, chi ha insegnato, chi ha venduto la merenda (creando una specie di dinastia di “suor Merendina”), chi ha girato la corda per i bimbi, chi ha insegnato loro le prime preghierine, chi ha preparato nutrimento fisico e spirituale: al San Tomaso sono passate tante suore ed ognuna ha cercato di portare in modo autentico e personale l’amore di Don Bosco a chi ha incontrato.

La presenza delle suore salesiane è un tesoro prezioso per tutta la comunità correggese, sia per chi le ha frequentate ed indirettamente anche per chi non ha avuto occasione di incontrarle: gli ultimi due anni hanno fatto emergere con sempre più forza la necessità di figure significative in campo educativo. Chi si mette in ascolto dei piccoli e degli adolescenti, chi prova a rispondere alla loro sete di autenticità, di grandi ideali è un arricchimento per la cittadinanza tutta. Chi educa al servizio, alla formazione interiore, all’importanza dell’istruzione e alla scoperta di sé nutre di valori buoni il terreno dove cresce il futuro correggese. Nell’opera salesiana forte è anche l’impronta sociale dell’educazione che deve mirare a rendere i ragazzi “buoni cristiani ed onesti cittadini”, una sfida sempre attuale, su entrambi i fronti!

Abbiamo bisogno di esempi da seguire per rimetterci in ascolto dei bisogni dei bimbi, degli adolescenti e dei giovani, per sporcarci le mani della loro realtà, specialmente con tutte le difficoltà che la pandemia ha sollevato.

Per questo speriamo davvero che la sospensione della comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice sia solo temporanea e che le suore salesiane continuino a guidarci sulla strada dell’educazione ricordandoci, ancora una volta, che “è cosa di cuore”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su