Ecco l’apicoltura professionale

Paolo Gherpelli e la sua “Casa delle api” a Trignano

La fioritura degli alberi è sempre un fenomeno spettacolare, che fa subito pensare anche alla laboriosa attività dei più importanti ed infaticabili insetti impollinatori: le api. Per parlare di questi pronubi abbiamo incontrato un professionista del settore, Paolo Gherpelli, titolare dell’azienda agricola “La casa delle api” che ha sede a Trignano di San Martino in Rio e vanta una lunga tradizione in questo ambito.

Come nasce la passione per l’apicoltura?
«Ho sentito parlare di api da quando sono nato: è stato praticamente ovvio che me ne occupassi anche io. Inoltre, trovo affascinante la vita delle api e piacevole il lavorare all’aria aperta. All’apicoltura ci si riesce ad appassionare quando si accetta che, avendo a che fare con la natura, non si possono avere regole rigide e tempi prefissati ma bisogna sforzarsi di essere molto elastici, anche se un’attività aziendale richiederebbe di prevedere il più possibile l’esito di quello che facciamo».

Com’è oggi il rapporto fra api ed agricoltura?
«Non ho mai visto l’agricoltore come un “nemico che avvelena”, anzi: dove l’agricoltore lavora con correttezza ed attenzione, i problemi per le api sono minimi o inesistenti. Certo, al contrario, possono esserci anche conseguenze molto gravi per le api
dove si fa un cattivo utilizzo dei prodotti: ad esempio, i trattamenti su vigneti o frutteti senza effettuare lo sfalcio delle fioriture sottostanti. In passato abbiamo dovuto abbandonare alcune postazioni per problemi di avvelenamenti causati da agricoltori vicini; oggi diversi nostri apiari sono collocati all’interno o nelle vicinanze di grandi aziende viticole e ortofrutticole, senza nessun problema nella gestione».

É vero che le api ci indicano lo stato di salute dell’ambiente?
«Essendo un insetto sensibile, sono l’ “anello debole” della catena: quando sono presenti nell’ambiente sostanze tossiche, spesso muoiono prima ancora di rientrare all’alveare, o poco dopo, indicandoci quindi il livello di salubrità di un dato ambiente. Oggi,tuttavia, non troviamo più mortalità estese come qualche decennio fa, ma piuttosto un graduale e più silenzioso spopolamento degli alveari. Le api
risentono dell’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del terreno e indirettamente dei cambiamenti climatici (che hanno influito anche su quantità equalità dei raccolti). Molti fitofarmaci sono causa di problemi: le api possono essere intossicate non solo durante il trattamento, ma anche mentre raccolgono nettare e/o polline, o anche solo mentre attraversano zone trattate per andare a bottinare altrove. Notevoli, ad esempio, i danni nel recente passato con l’uso dei neonicotinoidi, un particolare tipo di insetticida, che facevano perdere l’orientamento alle api danneggiando il loro sistema nervoso».

Quanto miele producete ogni anno?
«Risulta difficile definire la produzione media aziendale: diciamo che se tornassero “i raccolti di una volta” si potrebbe pensare di produrre senza troppa diffi coltà anche 200 quintali di miele, ma negli ultimi anni abbiamo dovuto accontentarci di meno della metà: le “anomalie climatiche” hanno giocato
un ruolo importante, così come l’introduzione di nuove cultivar molto meno nettarifere delle precedenti, come l’erba medica e il girasole. Si produce inoltre cera d’api, come conseguenza della lavorazione del miele, e propoli grezza. Produrre polline e pappa reale sarebbe interessante ma, richiedendo molto tempo, non risulta sempre fattibile».

C’è stata una compensazione con il prezzo?
«Il prezzo è aumentato in modo significativo, moltissimo rispetto ad altri prodotti agricoli, ma non tanto da compensare i cali di produzione e l’aumento dei costi aziendali: la redditività di conseguenza si è ridotta, con margini di profitto limitati. Il problema del mercato del miele non è solamente quello delle importazioni di prodotto di basso costo e altrettanto bassa qualità, ma soprattutto quello del “fi nto miele” ottenuto industrialmente: il miele
è uno dei prodotti agricoli più adulterati al mondo. Il valore delle api non è tanto “il miele che l’apicoltore produce e vende”, ma l’impollinazione che le api effettuano e che, oltre alla finalità ambientale di salvaguardia della biodiversità, aumenta la produzione e la redditività di altri settori agricoli».

L’AZIENDA E L’ATTIVITÀ RACCONTATA DA PAOLO GHERPELLI
La nostra azienda agricola si trova a Trignano da quasi cent’anni. L’attività di apicoltura inizia a livello hobbystico negli anni ‘70, in affiancamento ad un piccolo vigneto. Già negli anni ‘80 mio padre Renzo ha iniziato a praticare il nomadismo, lo spostamento degli alveari sul territorio nazionale per inseguire diverse fioriture, aumentando e differenziando così la produzione. Il numero di alveari da lui curati è cresciuto rapidamente nel tempo, diventando negli anni ‘90, quando io ero bambino, l’unica attività della nostra azienda.
Quel periodo è stato contraddistinto dalla difficoltà di gestire un aumentato numero di alveari in spazi ridotti, che rendevano difficile il lavoro e la movimentazione di materiali e prodotti. Per questo motivo nel 2002, quando ormai anch’io mi occupavo di apicoltura, abbiamo realizzato un primo ampliamento: le vecchie strutture sono state abbattute e sostituite da nuovi fabbricati, più spaziosi e razionali, che ci permettessero di gestire comodamente tutte le attività di lavorazione, dall’immagazzinamento al carico-scarico.
Anche le attrezzature per la smielatura ed il confezionamento sono state ammodernate nel corso degli anni, per gestire un quantitativo di prodotto crescente. Dal 2015, tutte le arnie destinate al nomadismo sono state disposte su bancali per consentire lo spostamento meccanizzato tramite camion gru, mentre la movimentazione dei melari e dei fusti di miele per la vendita all’ingrosso era già meccanizzata da diversi anni. Lo scorso anno infine abbiamo costruito un nuovo magazzino per le esigenze di stoccaggio materiali, ulteriormente aumentate.Oggi io e mio padre lavoriamo insieme, gestendo fra i 300 e i 400 alveari, rispetto ai 120-130 degli anni ‘80: in piena stagione produttiva ogni alveare può essere popolato da circa cinquantamila api. Una parte di famiglie viene spostata a inizio maggio nelle Prealpi Varesine per la fioritura della robinia; poi in giugno è il turno del castagno e del tiglio, infine erba medica e millefiori nel corso dell’estate nella pianura reggiana. Già negli anni ‘80 la nostra azienda è diventata socia della Cooperativa Apistica Valle dell’Idice. Questa, al tempo, era una piccola realtà di qualche decina di apicoltori: oggi, divenuta CONAPI, è una cooperativa di primaria importanza italiana ed europea. Da allora quasi tutto il prodotto  viene quindi conferito all’ingrosso, anche per gestire in modo ottimale la produzione senza impiegare troppe risorse per le attività commerciali. Il controllo rigoroso dei parametri del prodotto conferito in cooperativa ha inoltre consentito di perfezionare vari aspetti produttivi ed ottenere miele con standard qualitativi sempre più alti. Siamo organizzati per la vendita diretta in azienda il sabato pomeriggio, e siamo abitualmente presenti anche in alcune fiere della zona ed al mercato del mercoledì di Correggio, da ottobre a marzo-aprile. Nel periodo autunnale l’azienda svolge anche l’attività di Fattoria Didattica, riconosciuta dalla Regione Emilia-Romagna, ed è disponibile per visite guidate e per mostrare le strutture aziendali ai clienti.

Claudio Corradi

Leggi la nostra rivista direttamente online!

Condividi: