È di pax l’arte che rallegra

I caricartoons del nostro Pasquale Serra

I suoi disegni, o meglio caricartoons come li definisce lui stesso, rallegrano le pareti di casa di artisti come Francesco Gabbani, Vanessa Grey, Pintus, Nuzzo e Di Biase ma anche di tanti correggesi che per amicizia o per caso hanno conosciuto da vicino l’arte di Pax.

Pasquale Serra, classe 1975 e correggese doc cresciuto in via Casati, già alle scuole elementari amava moltissimo disegnare e soprattutto fare caricature di maestri e compagni. Una passione che è arrivata fino a oggi, in forma autodidatta perché di fatto Pasquale non ha studiato all’istituto d’arte ma ha coltivato il suo talento seguendo l’insegnante migliore: il proprio cuore.

Non è l’artista dalle mille matite, piuttosto quello delle mille emozioni, che trasferisce sul foglio con originalità e allegria. Primo Piano ha parlato con il bozzettista del suo percorso artistico, dei suoi traguardi e degli obiettivi futuri.

 

La domanda sorge spontanea: considerato il tuo amore per il disegno, perché non hai fatto una scuola ad hoc?
«Nel percorso scolastico ho sempre avuto ottimi voti in arte, ma sinceramente non pensavo di essere cosi dotato per intraprendere il liceo artistico. Inoltre, i miei genitori non mi hanno mai spronato a seguire questa strada e alla fine della scuola media ho scelto di frequentare un istituto meccanico. A vent’anni lavoravo in un’azienda e cantavo alla sera nei locali insieme a un amico, con il quale creammo il gruppo Salta Su. Poi ho fatto il barista e d’estate lavoravo alla festa della birra di Casoni, dove ho avuto occasione di conoscere vari artisti. Attualmente sono dipendente di azienda».

 

Quando hai pensato di riprendere a disegnare?
«Ho sempre coltivato questo hobby, ma non con l’impegno degli ultimi anni. Nel 2014 ho iniziato  ritrarre occhi in primo piano, poi mia moglie Rosalinda mi ha spronato a rappresentare tutto il viso: pensavo di non esserne capace ma ci provai. Erano disegni buoni ma senz’anima. La svolta fu nel 2016, successivamente a un momento doloroso personale: sfogai le mie emozioni, disegnando. Con il tempo ho capito che i lavori migliori nascono dai momenti di grande gioia o di grande tristezza. Non ci sono vie di mezzo».

 

Quali generi prediligi per trasferire le tue emozioni sulla carta?
«Spazio dal disegno a biro ai bozzetti, dai quadri ai murales, dai loghi commerciali alle caricature o meglio caricartoons. L’arte non ha limiti, l’importante è metterci sempre il cuore. Vedo un’immagine e capisco subito a quale genere si addice».

 

Che differenza c’è tra caricatura e quella che tu definisci caricartoon?
«La caricatura tende a sottolineare i difetti di un volto; nella caricartoon, il viso viene riportato a una versione cartone animato. É la forma artistica che scelgo per cantanti e comici. A volte faccio caricartoons di artisti che seguo sui social ma che non conosco: loro vedono il disegno, lo acquistano e nascono rapporti di amicizia. Comunque, i miei primi fans e clienti sono stati i colleghi di lavoro, gli amici di scuola, la gente che mi nota su instagram, facebook o twitter».

 

A oggi il traguardo artistico più importante che hai raggiunto?
«Regalare emozioni a chi riceve un mio disegno, soprattutto quando è inaspettato. La soddisfazione che ricevo, è il carburante per fare altro e sempre meglio».

 

Concludendo, che progetti hai per il futuro?
«Vorrei sperimentare il disegno con la tecnica del tatuaggio. A questo proposito da un anno e mezzo sto seguendo un’accademia specializzata l’Accademia di tatuaggio nello studio Alletatoo a Limidi di Soliera».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su