E dal giardino nacque un magico roseto

A Villa Sinigaglia il miracolo di Artemente

Villa Sinigaglia Della Valle fu costruita dalla famiglia ebrea Sinigaglia nel 1841. Da anni disabitata, nel 2014 la famiglia Della Valle decise di donarla al CEIS di Reggio Emilia di Don Giuseppe Dossetti. Grazie al lavoro di alcuni volontari correggesi, fondatori dell’associazione culturale ArteMente, il parco della Villa oggi ospita uno dei roseti fra i più estesi e importanti dell’Emilia Romagna, con la presenza di oltre mille rose. In virtù delle innumerevoli specie, è possibile ricostruire la storia della rosa dalle origini ai giorni nostri, a partire dalle più antiche rose cinesi di duemila anni fa fino alle “rose Alba” e a quelle che dominavano i mercati del Sette-Ottocento. Il Giardino si può definire un vero albero genealogico della rosa, e camminandovi in maggio e giugno si è circondati e coinvolti da decine di aromi, profumi e colori: una vera elegia per i sensi. Abbiamo contattato Gianmaria Casarini, Presidente di ArteMente, per scoprire più a fondo i segreti di questo luogo così speciale.

 

Come è nata l’idea di trasformare il giardino di Villa Sinigaglia in un roseto?
«Sei anni fa, a una cena fra amici, Francesca Beltrami ci parlò di questa Villa che lei frequentava da bambina e che, nel suo immaginario, ricordava come una Villa magica. La curiosità e il desiderio, da lei instillati, di conoscere quella dimora divenne talmente forte che dopo una settimana ottenemmo le chiavi per poterla visitare e, in seguito, l’autorizzazione per poterla utilizzare come sede per eventi culturali. La trovammo in precarie condizioni e con il grande giardino trasformato in un impenetrabile bosco a causa dell’edera che aveva colonizzato ogni angolo, ma ci trasmise un tale fascino che già ne immaginavamo la rinascita. Così iniziammo a lavorare per rimetterla il più possibile a nuovo, ristrutturando il necessario con la sola forza del nostro impegno e volontariato, per poi riaprirla al pubblico. A settembre, il sottoscritto, Francesca e altri amici fondammo l’Associazione Culturale ArteMente e firmammo un Comodato d’uso gratuito con il CEIS.

L’idea di piantumare rose non nacque all’inizio, ma solo dopo la grande nevicata del gennaio 2015, che sradicò gli alberi del grande prato a sud della Villa, modificando completamente il paesaggio del parco. Così, nella necessità di ripiantumare, cominciammo a consultare manuali di piante, fiori e, soprattutto, rose. Il meraviglioso mondo delle rose ci affascinò al punto da infondercene una profonda passione».

 

Come si è sviluppato il vostro lavoro?
«Dapprima, con l’aiuto di amici, stendemmo il progetto del giardino. Partimmo da una prima rosa denominata “Francesca” (creata dal grande ibridatore italiano Barni), che dedicammo alla nostra ideatrice. Una rosa, poi dieci, e il primo anno ne mettemmo a dimora settecento. Le rose diventarono il nostro imperativo categorico, una passione che ci prese a tal punto da non farci pensare né ai costi, né al grande lavoro di manutenzione e cura che ne sarebbe derivato, perché quel giardino sembrava fatto apposta per le rose. In seguito iniziammo a programmare eventi culturali: mostre di fotografia e di pittura, concerti e visite guidate con l’esperto di storia locale Marco Tassoni. Programmammo l’evento cardine dell’associazione, cioè la Festa delle Rose che a cominciare dal 2016 si è tenuto in maggio.

La soddisfazione è arrivata nei quattro anni a venire, in quanto fra eventi culturali e visite al giardino delle rose, migliaia di visitatori e scolaresche hanno vivacizzato e popolato il parco di Villa Sinigaglia».

 

Quali rose popolano il giardino?
«L’iniziale ricerca, direi filologica, ci ha portato a scoprire quanto immenso fosse l’universo delle rose. Parliamo delle antichissime “rose cinesi” che risalgono a duemila anni fa, delle profumatissime “rose galliche” la cui origine risale al 1200, delle “rose damascene” provenienti dall’Asia centrale e dal Medio Oriente e delle delicate “rose Alba” dai tenui colori. Una delle prime acquistate fu la splendida rosa antica Ayrshire Splendens, che ha tramandato il profumo così unico e particolare di mirra a un’altra splendida rosa, la Belle Isis (ricordando la dea Iside, era amata da Francesca esperta di storia egiziana). A queste rose antiche, così belle, voluttuose, profumate e affascinanti, è stata riservata oltre la metà del giardino. E anche se alcune di esse possiedono il “difetto” di fiorire una sola lunga stagione, è certo che s’aumenta il desiderio di rivederle nella successiva stagione».

 

Ci sono anche rose moderne?
«Nel giardino fioriscono tante “rose inglesi” create da David Austin, un geniale creatore di rose moderne ispirate alla bellezza delle rose antiche. Altre rose moderne, chiamate “ibride di tè” (che dominano oggi i giardini delle abitazioni) manifestano colori sfacciati, ma sono poco profumate, nulla in confronto alle splendide e profumatissime rose antiche.

Ci sono, poi, le più recenti rose antiche rifiorenti come: le “rose Moschate”, le “rose Bourbon” provenienti dall’arcipelago di Réunion, accanto alle Mauritius nell’oceano indiano, e le “rose Portland”, originate dall’incrocio fra l’unica “rosa damascena” rifiorente e la “rosa gallica”».

 

Pensi che in questa primavera sarà possibile replicare la Festa delle rose?
«Purtroppo per la primavera sarà improbabile, ma chissà che la prossima fioritura settembrina delle rose non ci riservi il regalo di poterne, insieme, condividere il piacere della bellezza e della fragranza. Le nostre rose, così abituate e felici di incontrare tante persone, quest’anno soffriranno un pò la solitudine e, soprattutto, la mancanza di Francesca. A lei, che ci ha lasciato a Gennaio, volevamo dedicare la Festa delle Rose di quest’anno.

Se non sarà possibile effettuare la programmazione di feste ed eventi nel corrente anno, auguriamo al nostro pubblico un caloroso arrivederci al prossimo 2021!».

 

Per chi fosse interessato, la storia della Villa Sinigaglia Della Valle è raccontata in un libro pubblicato dall’associazione e intitolato: “Alla scoperta di una Villa perduta e ritrovata”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi anche

Newsletter

Torna su