Da dipendenti a imprenditori di successo

La seconda vita, tutta elettrica, di Tecnica Impianti

Nel gennaio 1997 Andrea Tondelli inizia, insieme ad altri due soci, la sua attività di giovane perito elettrotecnico: non può nemmeno immaginarsi quanto la sua passione per il lavoro lo porterà lontano nel corso degli anni. Tecnica Impianti, questo il nome scelto dai tre per l’azienda, nasce come garage factory con sede amministrativa e operativa in Via Cairoli; verranno affittati alcuni garages ad uso magazzino e ricovero mezzi. Poi, nel 2001, la sede viene trasferita in via Ouradour Sur Glane, dove si trova anche oggi, per consentire una migliore gestione dell’attività che, nel frattempo, ha intrapreso con successo le prime commesse nel settore degli impianti elettrici civili e industriali. Nel corso degli anni, grazie al boom dell’edilizia ed alle competenze acquisite, l’azienda si consolida e riscuote consensi sul mercato, pur sempre restando nel settore degli impianti elettrici.
Nel 2013, l’acquisizione di un’azienda termoidraulica del territorio consente di ampliare l’ambito operativo e di affrontare progetti di maggiore complessità tecnica, con l’obiettivo di fornire al cliente un vero e proprio servizio a tutto tondo per l’impiantistica: si potevano finalmente porre come referente unico per gli impianti, un obiettivo realizzabile anche grazie al potenziamento dell’organico e alla solidità di un gruppo di lavoro ben formato.
Le buone basi che i soci hanno creato costituiscono un terreno fertile per quella che è la vera svolta nella vita di questa impresa, portandola ad essere la Tecnica Impianti che conosciamo oggi: nel marzo 2021 due dei tre soci fondatori decidono di uscire dalla società e di cedere quindi le proprie quote. Di quel periodo ci racconta Andrea Tondelli: «Usciti dalle inevitabili difficoltà del periodo Covid, quando mi è stata comunicata l’intenzione di cedere le quote mi sono trovato di fronte ad un bivio: comprarle tutte o accettare il subentro di nuovi soci, con tutte le incognite che ne sarebbero derivate. Ho passato giorni non facili, ma avevo dentro di me un convincimento: diventare l’unico proprietario non mi avrebbe giovato. Mi avrebbe reso molto più autoreferenziale, eliminando lo scambio di idee al quale ero invece abituato e che ho sempre ritenuto fondamentale per portare avanti il lavoro con professionalità. Per questo sono stato molto colpito dalla disponibilità di alcuni dipendenti storici a rilevare le quote messe in vendita ed entrare in società con me: ho accettato con entusiasmo il cambiamento».
L’attuale compagine societaria vede quindi impegnati Luigi Campioli come responsabile della parte manutentiva, Rita Casarini all’amministrazione, Cristian Cigni come responsabile delle nuove commesse e project manager, Simone Marmiroli agli acquisti e Andrea Tondelli come responsabile commerciale. Come lui stesso dice: «Sono nato perito industriale elettrotecnico. Solo lavorando ho scoperto in me una particolare attitudine commerciale. Penso che questo costituisca un valore aggiunto nella gestione del lavoro, perché mi consente di avere sempre una visione d’insieme molto più organica e precisa». Già dal primo incontro in sede ho potuto riconoscere subito la carta vincente della Tecnica Impianti: l’attenzione al dialogo. Un elemento fondamentale che deve stare alla base di ogni attività, perché, come dice Andrea, «cerchiamo di dare alle persone un servizio eseguito da persone. Tutti noi, senza distinzioni tra titolari o dipendenti, mettiamo a servizio del cliente le competenze che abbiamo acquisito e diamo importanza al lavoro di gruppo: un team è composto da tutti i suoi elementi, sempre. Non abbiamo tutti la stessa anzianità lavorativa o la stessa importanza nelle gerarchie, ma i risultati migliori si hanno sempre quando il gruppo è coeso».
Questo principio i dipendenti di Tecnica Impianti lo conoscono bene e lo condividono: degli undici complessivi, cinque dipendenti sono under 30 e, tra questi, ci sono tre under 25; due di loro sono stati assunti nel 2022 e uno nel 2023. Lavorano con i colleghi più esperti, fanno formazione costante per crescere professionalmente e portano al gruppo la loro freschezza che, peraltro, fa bene a tutti quando si lavora fianco a fianco per un’intera giornata!
Chiediamo ad Andrea gli altri punti di forza dell’azienda. «Crediamo molto nel fotovoltaico come modalità di produzione dell’energia: lo installiamo dal 2007, quindi già da prima dell’entrata in vigore della Direttiva europea sugli obiettivi di produzione e consumo di energia da fonti rinnovabili. È una forma impiantistica in forte sviluppo, sia per i privati che per le aziende: prevediamo che nel 2024, andando a ridursi il bonus 110% sugli edifici civili, aumenterà l’installazione del fotovoltaico industriale (previsione peraltro supportata dal fatto che l’Italia si colloca già dal 2014 al terzo posto mondiale per potenza di fotovoltaico installato, come attestato dal BNEF, Bloomberg New Energy Finance, Ente di statistica internazionale).
Inoltre, sempre perché crediamo fortemente nelle forme alternative di produzione dell’energia, stiamo dando una svolta al nostro parco mezzi introducendo furgoni ad alimentazione elettrica».
L’apertura di Tecnica Impianti alle nuove frontiere della tecnologia si riscontra anche nella crescente digitalizzazione dell’attività dei tecnici, mediante l’utilizzo di un software che permette all’operatore, grazie alla realtà aumentata, di svolgere l’assistenza al cliente in maniera tempestiva, efficace e h24: nella pratica, ogni tecnico è dotato di un visore collegato alla sala operativa, che da remoto può dare direttive mirate durante l’esecuzione del lavoro.
Il giovane perito elettrotecnico del 1997 ha fatto le scelte giuste ed è riuscito a raggiungere obiettivi importanti: Tecnica Impianti oggi vanta tra i propri clienti, oltre ai privati (che ne rappresentano una buona parte), anche centri commerciali, ospedali, cliniche mediche e da ultima la sede della Cooperativa sociale Papa Giovanni XXIII di Reggio Emilia, arrivando ad un fatturato che si attesta sui 2.700.000 euro. Un altro bell’esempio di fare impresa all’emiliana, con quel mix di passione, ingegno, rispetto dei valori e senso degli affari come lo si trova solo questa terra!

Per saperne di più: www.tecnica-impianti.com

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto