Autointervista

D – Come te la passi?

R – Sperando che passi presto. Per fortuna non devo patire l’angoscia di chi ha a che fare con la malattia, e neppure di chi ignora se avrà ancora un lavoro. Non è nemmeno un problema di paura. Piuttosto è una questione di ansia, alimentata da piccole seccature come gli occhiali che si appannano con la mascherina o la bramosìa di prodotti che mai avrei degnato di uno sguardo. L’apprensione di chi viene sradicato da alcuni affetti e dalle sue abitudini. É un’ansia che ognuno coltiva con dedizione

D – Tu coltivi l’ansia?

R – Certo. Per esempio assistendo ad ogni bollettino di guerra che viene diffuso con ogni mezzo. Per un mese alle 18 ho atteso con impazienza quello nazionale, come quando la Resistenza ascoltava Radio Londra sperando che gli Alleati stessero arrivando. E invece mi trovavo davanti ai numeri dei morti, che tutti dicono che non sono solo numeri e intanto li ripetono in continuazione. Poi sono arrivati i servizi dalle case protette e dagli ospedali di tutto il mondo e io penso che una cosa così l’avevo vista solo nei film, ma adesso è una lacerazione dell’anima che lascerà cicatrici. Il fatto è che anche gli Alleati sono nella merda, altro che Radio Londra. Qui non arriva nessuno a darci una prospettiva

D – Un’ansia globale, tu dici

R – Un’ansia esclusivamente umana. Perché la mia gatta se ne frega del virus, i merli fischiano che è una meraviglia, l’aria è tersa e pulita come mai da trent’anni, le peonie sbocciano con vigore e non ci sono incidenti stradali a turbare la tranquillità delle rotonde. Ti dico che è un problema esclusivamente umano, forse perché il resto della natura non sa cosa sia la politica

D – Pure tu ce l’ha con la politica

R – Con la politica interpretata da alcuni, fatta di slogan e di protagonismo anche di fronte a un tale disastro: beh questo genera ansia

D – Fammi un esempio della tua ansia

R –  Il virus vien di notte… non lui ma il suo fantasma. Questa notte, per dire, ho sognato di essere rinchiuso in un ascensore, senza cellulare, al buio e mi mancava l’aria. Un’altra volta mi dibattevo prigioniero di inestricabili lenzuola, come nella jungla, ma il brutto è stato che invece della Madonna mi è apparsa la Meloni che mi accusava di voler usare il fondo salva-stati

D – Capisco. Se ti appare la Meloni di notte…

R – Poi mi sveglio e mi dico che sono un privilegiato: ho una famiglia, una casa spaziosa, un giardino

D – Gli spazi sono importanti

R – Sì perché per pulirli e risistemarli dopo vent’anni di approssimazione ne avremo sicuramente per qualche mese. L’importante è rispettare la suddivisione della giornata in incombenze fisse, come in caserma a militare

D – Ma secondo te cosa resterà di questa esperienza?

R – Non credere alla retorica. Resteranno litri di alcol e di amuchina. Hai presente i vecchi di una volta che alla loro dipartita lasciavano caterve di tetrapak belli ripiegati, borsine di plastica tutte impilate, cose così, perché nel caso di una nuova guerra sarebbero venute utili? Ecco, noi ne usciremo con dispense intasate di fagioli, di pasta, di scatolette. E di carta igienica, che ci basterà per qualche anno salvo dissenteria

D – E alla fine, come ne usciremo cambiati?

R – Più poveri ovviamente. Probabilmente convinti che bisogna investire sulla scienza e sulla sanità per soffrire meno alla prossima epidemia (inevitabile, visto che non si tornerà indietro dalla libera circolazione di persone e merci). Forse seppelliremo stronzate del recente passato come l’inutilità delle competenze o “prima gli italiani” (che poi ci troviamo alla mercé di chi dice “prima gli olandesi” o “prima i tedeschi”, e non c’è storia). Ma non credo che diventeremo più intelligenti. Per questo bisognerebbe recuperare ciò che un tempo sapevamo fare meglio: scuola e cultura

D – Quindi, come la metteremo?

R – Temo che torneremo ad essere quello che siamo

 

Come si vede, in tempi di grandi incertezze il nostro intervistato si scopre fragile e pessimista. E con idee confuse, questo è evidente. Comunque, si può immaginare che tra vent’anni i sopravvissuti racconteranno ai nipoti: eh sì, io ho fatto la resistenza al virus; quando i vecchi sparivano senza che si sapesse; e tu non ci crederai, ma pensa che gli scaffali della farina erano vuoti e l’oggetto del desiderio era una mascherina…

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Rubriche

Torna su