Ars Ventuno: l’arte non è solo per qualcuno

Danza, teatro e arti visive nel Centro diretto da Antonella Panini

Se foste passati per il parco urbano domenica 14 giugno, vi sareste certamente imbattuti in bambini in costume che gironzolavano per il parco.
No, non festeggiavano il carnevale: siamo in giugno!

Di cosa si è trattato, allora?

Nient’altro che della terza edizione della Festa del Teatro, organizzata da Ars Ventuno-Centro danza, teatro e arti visive di Correggio.

Abbiamo chiesto al direttore artistico del Centro Antonella Panini qualche ragguaglio sul tutto.
«Sono stati i bambini a scegliere il tema di quest’anno: Alice nel paese delle meraviglie.
Fin dalle 10 del mattino, sotto i gazebo, abbiamo tenuto i laboratori di sperimentazione delle arti visive come la pittura, gestiti dalla Ludoteca di Correggio.
Poi abbiamo allestito letende narranti sotto gli alberi, dove, seduti su comodi cuscini si potevano ascoltare favole lette da un narratore.

Sul palco ai piedi della collinetta, si sono susseguiti spettacoli fino a sera: abbiamo aperto con un coro di circa cento scolari delle elementari che hanno cantato le canzoni dello Zecchino d’oro.

Dopo è stata la volta dei bambini che fanno teatro conLa gabbianella e il gatto e poi con un testo inventato dai bimbi di 6-7-8 anni chiamatoUscita di sicurezza”.

I ragazzi delle medie hanno interpretatoAlice nel paese delle meraviglie in chiave moderna con un linguaggio molto divertente e i ragazzi delle superiori alla sera hanno rappresentato “Sogno di una notte di mezza estate ma con un clima un po’ horror rispetto all’originale.

Vicino al monumento, su un piccolo palco abbiamo rappresentatoL’improvvisato volo fantastico, storia di un circo volante caduto sul parco urbano con una mongolfiera da cui sono usciti tanti personaggi colorati.
Sempre alla sera ha suonato anche un gruppo musicale, We life, composto di ragazzi correggesi di 14-15 anni, molto apprezzati dal pubblico».

Antonella ci spiega come è nata l’idea della festa al parco: «L’idea è nata quando abbiamo fatto il saggio della scuola al Parco urbano nel 2012.
Fu un gruppo di genitori guidati dal nostro attuale presidente Marco Paterlini, a caldeggiarlo e, visto il successo di quell’anno, lo ripetemmo anche nel 2013, per far conoscere il mondo dell’arte anche a chi non frequenta il teatro».

Ma cos’è Ars Ventuno?
Ars viene dal latino Arte e Ventuno è il secolo in cui viviamo, ma è anche l’articolo della Costituzione italiana che tutela la libertà di espressione.
Si dice poi che ventuno grammi sia il peso dell’anima.

Ars Ventuno è un luogo dove i ragazzi si possono avvicinare alla danza, al teatro e alle arti visive, spaziando da un corso sui cartoni animati per i più piccoli a un progetto cinema per i più grandi, passando attraverso i corsi di pittura e di ceramica. Vivono così, in prima persona, il fermento di un vero e proprio cantiere artistico. Imparano dizione e fonetica, come a dipingere e a cantare.

Vi sono inoltre percorsi integrati per adulti come danza moderna, pilates, tango argentino e girokinesis.

I docenti sono insegnanti professionisti, ma tanti sono i volontari che tengono in piedi con il loro aiuto tutte le attività artistiche.

Al momento il Centro ha 315 iscritti.
Ed è, pensate, l’unica scuola di questo tipo presente in regione.
Un bel luogo, insomma, si respira l’arte a tutte le età ed in forme originali o più semplicemente… dove ognuno può liberamente esprimere il suo talento!

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna in alto