Novembre 2016

Copertina Primo Piano novembre 2016

Correggio fantastica

Sabato 22 ottobre, 20.15. Arrivo al salone delle Feste, mi affaccio sulla sala e…wow!
In un allegro chiacchiericcio, quasi 600 persone siedono in attesa della cena, bimbetti di tutte le età si infilano tra le sedie giocando a nascondino, mentre volontari delle diverse associazioni di volontariato in divisa d’ordinanza si aggirano solerti tra i tavoli per far sedere gli ultimi arrivati.
L’obiettivo è semplice: raccogliere fondi per le città colpite dal terremoto di questa estate.

Mariachiara Levorato

Sommario

Correggio
– Le fantastiche creature sono tra noi
Primo Piano
– L’Islam senza veli
– Il Diavolo, il Vescovo, il Carabiniere
Politica
– Formarsi alla scuola di politiche, per passione
A tu per tu
– Nessuna sosta dal mondo per uno spirito libero
– Il male del secolo e i ricordi di Correggio
Economia e finanza
– L’eccellenza è Modelleria Brambilla
Enogastronomia
– Da gustare goccia a goccia
Commercio
– Nuovi servizi: la Coop si ri-presenta
Sanità
– Spazi rinnovati per il CUP e i Poliambulatori
– Con AVIS buon sangue non mente
– Quando la nostra sanità merita la lode Volontariato
– SOS VIDA in soccorso ai bimbi di Bahia
Musica
– La scatola matta del rock si afferma a Correggio
Sport
– Virtuosissimo sport
– A Budrio non mancano le rotelle!
Rubriche
virgolette: Correggio fantastica
notizie in breve
un film a colazione: Veloce come il vento, la corsa per la vita
raccontami: Va’, metti una sentinella; La tifosa di “Messi”
appuntamenti a Correggio: In novembre: concerti, incontri, presentazioni e spettacoli teatrali
l’angolo del relax
una regione al mese, ecco il Belpaese: Pizza DOC: per chi ama la Campania
il nastro rosso: Quella strana voglia di convolare
in punta di pennino

IL MEGLIO DEL MESE

Marco Ligabue si racconta. Quando lo sento per telefono, Marco Ligabue si trova a Roma per girare il videoclip della prossima

Motori da corsa made in Correggio. Pochi sanno che la Ferrari e la BMW, per produrre le testate e i motori

Franco Cardini e Paolo naso in una serata di grande peso culturale per la città. Un pubblico folto e attento ha

“Nella Bassa vive una stirpe di uomini che sa tenere i piedi ben dentro la propria terra e la testa