Luglio 2016

Copertina Primo Piano luglio 2016

L’ora della responsabilità

Mentre andiamo in chiusura del numero, arriva la notizia della sentenza di primo grado che chiama il Comune di Correggio a risarcire Banca San Felice di 11 milioni di euro per il recupero del finanziamento concesso con lettera di patronage per il progetto En.Cor.
Una bella doccia fredda non certamente inaspettata per l’Amministrazione comunale, che già dal suo insediamento ha agito con prudenza e trasparenza mettendone in conto le possibili conseguenze.
Si tratta solo del primo grado di giudizio, per una vicenda che probabilmente impegnerà il Comune e la comunità ancora per molto tempo.
Saranno mesi duri per tutti.

Mariachiara Levorato

Sommario

Primo Piano
– Francesco Guccini, non canta ma incanta
Società
– La notte di Francesco De Gregori
– Ritmo e idee in festa a Correggio
– La Croce Rossa Correggio cambia volto
Ritorno dall’Inferno
– Com’unic’azione
Ricordi
– In silenzio ci ha lasciato un vero signore
Scuola
– Educhange, una bella esperienza per docenti e studenti
Economia e impresa
– Quattro parole in un garage
– C’è un maestro in azienda
Arte
– Un gioiello da non dimenticare
Salute
– Lo stile di vita, la prima terapia
Amici animali
– Il mio amore è fedele
Sport
– La Pasqua dello sportivo a San Prospero
– 200 partecipanti al torneo di tennis U14
– Il miracolo sportivo del Quadrifoglio “A”
Rubriche
virgolette: L’ora della responsabilità
notizie in breve
Correggio in briciole
un film a colazione: In ordine di sparizione, un thriller grottesco e ironico
raccontami: Il magico potere del riordino; Una vita per te
i scutmâi ed Curèš: Al Sileinsi e la Cà di óv cêr
appuntamenti a Correggio: Estate ragazzi alla casa nel parco; Film in lingua a Palazzo Principi
festa Correggio: Il Ritmo delle Idee, eventi principali
interviste improbabili a Correggio: L’ultima mondina
l’angolo del relax
una regione al mese, ecco il Belpaese: Fregola con cocciula
il nastro rosso: Spogliamoci così senza pudor
in punta di pennino

IL MEGLIO DEL MESE

Marco Malagoli, dipendente di AZETA, è maestro del lavoro. Se da tempo lontano il primo maggio è la festa dedicata

La officina giovane dei fratelli Cantù. È in un’officina, in zona Espansione Sud, che trovi perfettamente coniugate nella realtà quotidiana

Giulio Taparelli: un artista istintivo. Se n’è andato in silenzio, come voleva lui, senza clamore e senza ritualità. Giulio Taparelli

Da poco più di tre mesi, Milo Bellesia, trentanovenne lavoratore autonomo, volontario da tanti anni, è il presidente del Comitato

Primo Piano regala alla città una serata speciale Un teatro Asioli stracolmo di gente di tutte le età, mercoledì 8 giugno,