Tra la terra e il set, le mie passioni di sempre

Tra la terra e il set, le mie passioni di sempre

Andrea Libero Gherpelli, attore e agri-cultore

Andrea Libero Gherpelli è un volto noto per tanti correggesi. Molti lo conoscono personalmente, altri lo avranno visto in una delle numerose fiction per la tv o nei film a cui ha partecipato come attore. Fra questi, il seguitissimo “Don Matteo”, “Faccia d’angelo”, sulla banda del Brenta, “Qualunque cosa succeda” sulla vita dell’avvocato Ambrosoli e il recente “L’alligatore”, basato sui romanzi di Massimo Carlotto, che presto vedremo su Rai 2. Fra poco uscirà nelle sale anche “Volevo nascondermi”, il film di Giorgio Diritti dedicato ad Antonio Ligabue, in cui Andrea interpreta il ruolo di Andrea Mozzali, amico fraterno dell’artista. La pellicola è stata presentata con successo all’ultimo festival del cinema di Berlino, dove Elio Germano ha conquistato l’Orso d’argento come migliore attore protagonista.

Nato e cresciuto a Prato di Correggio, Andrea ha saputo sposare la passione per l’arte con quella, più antica e profonda, per l’agricoltura. Da alcuni anni, infatti, conduce insieme al padre l’azienda agricola “Casa Vecchia”, avviata quattro generazioni fa dalla sua famiglia. Lui ha saputo rinnovarla sulla base di scelte naturali e organiche, attraverso il recupero di semi e tradizioni locali e nel rispetto di valori che meritano di essere riscoperti.

Quando è iniziata la tua passione per l’agricoltura?
«Fin da bambino ho sempre aiutato in casa: studiavo, suonavo in una band e davo una mano nell’azienda dei miei. Ho continuato a farlo anche quando sono andato all’università e ho cominciato la carriera di attore. Da circa dieci anni, però, quello che prima era un impegno part-time è diventato la mia professione.

Di cosa ti occupi, di preciso?
«A un certo punto della mia vita ho scoperto un’agricoltura “diversa”, perché i semi ho cominciato a selezionarli da solo. Per fare questo utilizzo una macchina dei primi del Novecento, chiamata “Svecciatoio”, che apparteneva ad Archimede Ferretti detto “Chimin”. Ho delle parcelle sperimentali, in cui semino i grani destinati alla ricerca e seleziono quelli che metterò a dimora per i futuri raccolti. Ho imparato che le sementi vanno cercate, curate, amate, perché sono la vera ricchezza di una azienda agricola».

Cosa sono i “grani antichi”?
«Sono semi storici del nostro territorio e di altre parti della penisola, facili da acclimatare nella nostra regione. Uso il grano tenero Gentil Rosso, dalla spiga molto lunga, bello e buono, con cui faccio i grissini; il San Pastore e il Virgilio, varietà dei primi del Novecento selezionate da Nazareno Strampelli, un vero genio della ricerca genetica di quegli anni; il Grano del Miracolo, semiduro, ideale per tagliatelle e per insaporire ogni ricetta: si diceva che nei campi “faceva il miracolo” perché produce una spiga a grappolo particolarmente ricca; poi c’è il grano Senatore Cappelli, con cui faccio la pasta: spaghetti, penne…».

Parli dei tuoi grani quasi come se fossero dei figli…
«È proprio così: i raccolti richiedono grande fatica e attenzioni di tipo paterno. Se non si vuole ricorrere alla chimica, che rovina il terreno ed il prodotto finale, rendendolo meno sano, bisogna lavorare di più con le braccia. Una varietà che amo molto è il Poulard di Ciano: un granoturco dal chicco gibboso, che assomiglia a un petto di pollo, da cui deriva il suo nome. Se ne ricava una farina buonissima e molta paglia, ora considerata quasi inutile, ma che una volta era preziosa come il letame. Per ottenere il seme del mais, invece, ancora oggi ci si raduna nell’aia, come si vede nel film “L’albero degli zoccoli” di Ermanno Olmi, a “fer sfuin”, a sfogliare le pannocchie ».

Come vanno le vendite in questo periodo?
«La situazione che stiamo vivendo ha favorito la vendita dei prodotti a chilometro zero. È come se fossimo tornati, seppur in parte, a un’economia pre-consumistica, a quando ci si riforniva direttamente dal produttore. A questo riguardo, devo ringraziare il sindaco e l’amministrazione comunale di Correggio, che hanno incentivato queste forme di vendita: ora, infatti, sempre più persone acquistano negli spacci agricoli. A proposito, date le attuali restrizioni, ci tengo a ricordare che abbiamo attivato la consegna a domicilio. Veniamo a trovarvi nelle vostre case e, insieme a prodotti buoni, vi portiamo anche un assaggio della bellezza e del profumo dei nostri campi di primavera».

Hai nominato “L’albero degli zoccoli”, un titolo di certo non casuale, e così veniamo a parlare di cinema e recitazione, l’altra tua passione…
«Nella mia famiglia, oltre che agricoltori, abbiamo avuto musicisti nella banda e autori di commedie dialettali. L’interesse per l’arte e la cultura è sempre andato di pari passo con quello per la terra. Perciò è stato in qualche modo naturale, per me, imboccare la strada dell’attore. Fin da bambino recitavo nelle commedie messe in scena da mio padre e mi esibivo con il mio gruppo rock. A un certo punto iniziai, quasi per caso, a fare la comparsa per il Teatro Valli. Fu durante un allestimento della “Norma”, mentre il soprano intonava l’aria della Casta Diva, che ebbi l’illuminazione: in quel momento capii che quello era il mestiere che volevo provare a fare, perché nulla mi avrebbe regalato le emozioni del palcoscenico».

In questo modo hai rinunciato a “sfruttare” fino in fondo la tua laurea in ingegneria…
«Durante l’università a Bologna ho preso parte a gruppi teatrali universitari e, grazie a quella esperienza, mi sono davvero fatto le ossa, con tanta energia e passione. Terminati gli studi, sono sceso a Roma per una borsa di studio all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio d’Amico. Poi ho partecipato a un casting al Cinecittà Campus di Maurizio Costanzo, dove sono stato selezionato, fra migliaia di aspiranti, per dei venti posti disponibili. Quello si può dire che sia stato il punto di partenza, che mi ha aperto tante strade. All’inizio della mia carriera ho lavorato nei teatri stabili con Popolizio e Proietti, poi ho deciso di dedicarmi al cinema e alla tv, perché richiedevano un impegno minore in termini di tempo e, nelle pause di lavorazione, potevo occuparmi della terra».

Sulla tua strada hai incontrato grandi professionisti del mondo dello spettacolo. Fra tutte le persone con cui hai collaborato, quali hanno lasciato una maggiore impronta?
«Ce ne son tante, è difficile sceglierne alcune… Di sicuro, un segno indelebile l’ha lasciato Roberto Herlitzka, il quale, oltre a essere un grande attore, con una cultura e una tecnica elevatissime, è anche una persona dotata di grande umanità e umiltà. Mi ha insegnato tanto, non solo per la serietà con cui affronta il nostro mestiere, ma anche per il suo approccio alla vita».

Veniamo allora a parlare della tua partecipazione a “Volevo nascondermi”, il film di Giorgio Diritti sulla figura del pittore Antonio Ligabue, presentato con successo all’ultimo Festival del Cinema di Berlino.
«È stata un’esperienza magnifica e il film è capitato in un momento molto significativo per me. Avevo deciso di rinunciare a vivere nella grande città e non ero per niente sicuro di riuscire a proseguire la carriera di attore. La partecipazione a questo film mi ha fatto capire che avevo fatto la scelta giusta. Si tratta di una importante produzione, con professionisti di grande calibro.
Elio Germano, sul set, ha un approccio talmente camaleontico con il suo personaggio e investe una tale energia che tutti, attori e tecnici, ne sono travolti. Il lavoro del regista e di tutto il cast sono stati giustamente ripagati. Quando Elio ha ritirato l’Orso a Berlino, io mi trovavo in Veneto sul set de l’Alligatore, ma ero felice come se fossi là con lui».

Nel film interpreti il ruolo di Andrea Mozzali, lo scultore e pittore guastallese che fu molto vicino a Ligabue e lo aiutò in varie occasioni. Come è stato calarsi nei panni di questo personaggio?
«Credo che per noi che conosciamo questa terra, con i suoi ritmi, i suoi profumi e i suoi umori, diventi naturale e “spontaneo” entrare nella mente di Ligabue e dei personaggi che gli ruotavano intorno, perché sono parte della nostra stessa essenza. Anche il fatto di avere mantenuto un rapporto così stretto con le radici contadine mi ha sostenuto nell’interpretazione di questo ruolo».

Mi sembra che vi sia un filo conduttore molto forte, di impegno politico e sociale, che guida le tue scelte professionali, sia come agricoltore, sia come attore.
«Credo nel lavoro e nell’impegno e ho sempre cercato di compiere le scelte che in quel momento mi sembravano più giuste, per assecondare un desiderio, un progetto, oltre che i valori in cui credo. La terra è una grande maestra, se la sai ascoltare. E la nostra terra emiliana, e reggiana in particolare, è piena di storie e di insegnamenti che dobbiamo conservare e tramandare. È strano ma, proprio quando ho fatto la scelta di abbandonare la grande città per tornare a vivere in campagna, sono stato coinvolto in due film importanti girati interamente nella nostra provincia. Uno è “Volevo nascondermi”, l’altro è “Si muore solo da vivi”, di Alberto Rizzi, che affronta il tema dell’ultimo terremoto in Emilia. È come se il destino avesse premiato quella che poteva sembrare, all’inizio, una scelta azzardata».

Si avverte sempre di più, anche fra i giovani, il desiderio di rallentare i tempi delle nostre vite e di riappropriarsi di un legame più stretto e profondo con le radici e la natura. Tu, questo, lo stai già facendo…
«La cosa più difficile che ho dovuto fare è stata proprio rallentare, riadattare i miei ritmi di vita, che erano quelli di una grande città, a quelli naturali, ma anche più umani, della campagna. All’inizio mi sembrava di perdere tempo e mi sentivo in qualche modo “legato”. Poi ho capito che erano più grandi le cose che avevo a disposizione rispetto a quelle che stavo perdendo: bastava saperle vedere. Proiettato verso il “di fuori”, mi ero perso gran parte di ciò che è davvero importante e che normalmente ci sfugge».

Forse, alla fine di questo terribile periodo di pandemia, avremo imparato qualcosa?
«Io me lo auguro. Conosco molti amici che stanno già pensando di cambiare lavoro, al termine dell’emergenza. È come se il rallentamento imposto alle nostre vite ci avesse regalato un grado in più di consapevolezza. E non è escluso che l’attuale epidemia sia il risultato di comportamenti sbagliati dell’uomo. Solo la scienza, fra qualche anno, forse riuscirà a dircelo. Nel frattempo, impariamo ad ascoltare e rispettare di più la natura! Come è riportato nell’epigrafe alla mia pagina Facebook, in campagna fai un bel raccolto solo se i semi sono sani e se la semina è fatta come si deve, col cuore. Le tempeste passano, le radici restano».

Ringraziamo Andrea per questa fruttuosa e intensa chiacchierata, sperando di poterla riprendere presto anche in presenza, magari facendo una visita alla sua azienda agricola. Chi volesse avere maggiori informazioni sull’attività e i prodotti dei suoi campi, può visitare la pagina Facebook “Casa Vecchia” oppure telefonare al seguente numero: 347-9316364.

Luigi Levrini

Leggi questo e altri articoli su Primo Piano di Maggio 2020!

Condividi: