Accoglienza, ascolto e aiuto abitano qui

Il Centro Donne del Mondo riprende L'ATTIVITÀ in presenza

È stato un periodo molto difficile, quello della pandemia, per il Centro Donne del Mondo. Avevamo scritto un bel libro, presentato a Correggio nel dicembre 2019 con un bel successo di interesse, con richieste di presentazioni in librerie e Centri culturali, un interessante progetto finanziato dalla Fondazione Manodori, un corso di cucina etnica pronto per essere aperto ai partecipanti. Poi, però, il nostro Centro, brulicante di voci, avvolto nel profumo di tè e menta, la nostra torre di babele pacifica e serena si è spenta. Come tutto, intorno a noi, d’altronde.  Le donne straniere erano molto spaventate. Il pensiero di trovarsi in grande difficoltà lontano dalle famiglie, dagli anziani genitori, che correvano gli stessi rischi senza poter essere raggiunti, creava grande panico. Siamo comunque rimaste in contatto, con gli strumenti che la tecnologia mette a nostra disposizione. L’estate dello scorso anno ci siamo date qualche appuntamento al bar, a gruppetti, all’aperto. Poi nuove chiusure, la corsa al vaccino, una nuova speranza, la ripresa della vita. A giugno ci siamo organizzate ed abbiamo richiesto di incontrarci davanti alla sede, portando fuori sedie e tavolini, riprendendo i nostri incontri. Finalmente!

A luglio si è potuto rientrare nella sede, rispettando le norme di sicurezza e tutto è ripartito alla grande.

Il progetto Welcom2, finanziato dalla Fondazione Manodori, in partnership con la Coop sociale Madre Teresa, il Comune di Correggio e molte realtà del volontariato sociale del distretto, ha ripreso il suo cammino, troncato a metà dal Covid. In particolare sono partiti, presso la nostra sede, i corsi di formazione al lavoro, che ci stavano particolarmente a cuore, come il corso di cucina, destinato a dieci donne, che, sotto la guida di uno chef, apprendono ciò che occorre per essere, a fine corso, in grado di inserirsi al lavoro in una gastronomia, in un laboratorio di pasta fresca, in un ristorante, nella cucina di una mensa. Poi un corso per parrucchiera-estetista, terminato da poco, che ha dato a sette donne un diploma A.N.A.M. (Associazione Nazionale Acconciatori Misti). Speriamo offrano un’opportunità per le ragazze che si sono impegnate, con grande entusiasmo e sacrificio, all’apprendimento delle tecniche di queste affascinanti attività.

Abbiamo già partecipato ad un Portobello ed alla Fiera di San Luca.

Il 16 ed il 17 ottobre, insieme ad altre mille, c’erano anche le nostre “Bambole dal Grande Cuore” in piazza Prampolini a Reggio, per raccogliere fondi per la ricerca del CORE, così come non erano mancati i nostri quadrotti, due anni fa, in quella stessa piazza.

Abbiamo condiviso l’emozione suscitata dalla situazione nella quale sono precipitate le donne afghane; ci siamo rinchiuse al centro per giorni per dare un contributo di visibilità a queste vittime della misoginia maschile mascherata da fede religiosa, producendo materiale che abbiamo esposto sulla facciata della sede. E non finirà qui.

Continuano anche i nostri piacevoli “filoss” con ferri, uncinetti, ricami; ci scambiamo saperi, ricette, informazioni. Si organizzano attività di sostegno per le donne ed i loro bambini, agevoliamo l’accesso ai servizi della città a chi è appena arrivata, che sia da New Delhi o da Milano. Chi vuole imparare trova sempre qualcuna disposta ad insegnare. Chi ha bisogno di parlare trova sempre qualcuna disposta ad ascoltare. Ci sono sempre gomitoli da sistemare, scatole da riempire, caffè da preparare, un compito da controllare, risate da condividere e, a volte, persino qualche lacrima da asciugare che poi lascia spazio al sorriso.

Ci piace prendere tè e pasticcini o una fetta di torta in compagnia. Ci piace pensare che la frequentazione del nostro spazio possa offrire una buona opportunità di socializzazione per passare qualche pomeriggio con altre donne.  Non c’è orario da rispettare, né per entrare né per andarsene. La partecipazione è libera e gratuita. Avanti, la porta è aperta. Perché accoglienza, ascolto, aiuto abitano qui.

 

Il centro Donne del Mondo, in Corso Cavour 14 (di fronte al Teatro), è gestito dal 2016 dall’Associazione FILEF di Reggio Emilia in convenzione con l’Unione dei Comuni della Pianura Reggiana. È aperto lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

per info: 335-5285596

Condividi:

Leggi anche

Newsletter

Torna su