A Fosdondo si combatte contro il virus

A Fosdondo si combatte contro il virus

Silcompa produce alcol per sanità, cosmetica e industria

Tra i nuovi fattori di ansia che questa epidemia globale ci regala c’è la scomparsa dagli scaffali dei detergenti più adatti a sanificare le superfici contro il nemico invisibile. Soprattutto l’alcol, quello rosa, che in casa da tempo avevamo relegato a pochi, generici usi. Di fronte ad una domanda improvvisamente esplosa i rifornimenti di alcol denaturato, tipico disinfettante per uso domestico e igienizzante lavamani, si sono rivelati inadeguati. Parliamo dell’alcol puro a 96 gradi, appositamente colorato per renderlo inadatto a scopi potabili, in quanto è sgravato dall’accisa che si paga sul consumo di bevande alcoliche. Chiediamo (telefonicamente) il perché a Matteo Pignagnoli, presidente di SILCOMPA SpA, l’impresa di Fosdondo che è una dei pochi produttori nazionali di alcol etilico (o etanolo), ed è in piena attività proprio per il settore in cui opera.

«Non si tratta tanto di un problema di accaparramento, ma nemmeno di produzione. Il fatto è che chi confeziona e commercializza l’alcol per usi domestici sono piccole o medie imprese, e sono poche perché è un prodotto povero. Quindi la strozzatura nella catena che collega il produttore di etanolo alla grande distribuzione si trova nei marchi che lo mettono in flacone».

Matteo fa parte della terza generazione dei Pignagnoli. Il nonno Enea nel 1925 fondò la cantina che portava il suo cognome in viale della Repubblica. Poi, con il figlio Romano, acquistò una distilleria a Quistello, in provincia di Mantova. Subentrati a Romano per l’improvvisa morte i suoi quattro figli, la cantina venne chiusa nel 1979 mentre si sviluppava il commercio dell’alcol etilico con un deposito in via Carletti. Finché nel 1990, acquisendo una parte dei terreni della Fornace, venne costruito a Fosdondo l’attuale stabilimento per la produzione diretta.

Matteo Pignagnoli, presidente di SILCOMPA SpA

«Importiamo la materia prima grezza (cioè l’alcol ottenuto dalla fermentazione di cereali, barbabietole o canna da zucchero) attraverso partnership con impianti che sono annessi a grandi zuccherifici internazionali. Teniamo a sottolineare che SILCOMPA fa parte a buon diritto della filiera green, lavorando solo prodotti di origine agricola. Infatti non abbiamo mai utilizzato e prodotto alcool etilico di origine sintetica, ma usiamo solo alcool di origine agricola al 100%. L’azienda occupa oltre 80 dipendenti, tra uffici, ricerca, controllo qualità, produzione, immagazzinamento e trasporti. Lo stabilimento si compone di 3 impianti, completamente automatizzati. Sarebbe troppo penalizzante fermare e far ripartire i processi di lavorazione, per cui gli impianti devono restare in funzione ventiquattro ore su ventiquattro e per 365 giorni all’anno per poter mantenere e garantire una costante ed ottimale qualità del prodotto.
Oltre ai turnisti che si alternano al controllo degli impianti opera una squadra di manutenzione. Il processo di raffinazione sfrutta la volatilità dei componenti dell’alcol che viene portato a diversi livelli di temperatura (si chiama “distillazione frazionata in continuo”). Questo primo impianto elimina le impurità consegnandoci alla fine alcol puro a 96 gradi. Gli altri due impianti ridistillano ulteriormente l’alcol filtrando i vapori attraverso dei filtri molecolari a resine che eliminano l’acqua contenuta e concentrano l’alcol a grado assoluto, cioè fino a 100 gradi. Quest’ultimo prodotto è quello principalmente utilizzato in cosmetica (lacche per capelli, profumi, deodoranti), in farmaceutica, nell’industria alimentare e in quella dei solventi».

Chiediamo a Matteo Pignagnoli notizie del mercato in cui opera SILCOMPA.
«La forza di SILCOMPA è la personalizzazione del prodotto, secondo le formulazioni richieste dal cliente, ottimizzando il servizio e la distribuzione. Oltre che la cosmetica e la farmaceutica, che  pesano sul nostro fatturato rispettivamente per un 30% e un 15%, forniamo primarie imprese di solventi, detergenti e colle industriali (per un 35%) e di food & beverage (per il rimanente 20%). Infatti, oltre che per aromi e bevande alcoliche, l’alcol viene utilizzato come antimicrobico, quindi nel trattamento (non come in-grediente) dei prodotti soffici da forno, quali pane, merendine e dolci come il panettone. I nostri clienti risiedono per il 60% in Italia e il 40% in Europa, Asia, Africa e Sudamerica. Su questi mercati siamo in concorrenza soprattutto con imprese multinazionali, che si sono sviluppate a fianco di agricolture interne fortemente specializzate in cereali o barbabietole. In futuro i prodotti a base di alcol etilico ricopriranno un ruolo sempre più importante per le accresciute esigenze di igienizzazione dei nuovi stili di vita a cui saremo obbligati, in virtù della loro derivazione agricola e per il basso costo».

Devo dire che gli impianti di SILCOMPA sono molto moderni e assomigliano a quelli chimici. Con gli stessi problemi di sicurezza? «La sicurezza è da sempre un nostro pallino. I vapori etilici e l’alcol stesso sono infiammabili, anche se non sono soggetti ad esplosione. Per questo siamo periodicamente controllati da ARPAE, e ogni tre mesi ditte esterne certificano, come vuole la “legge Seveso”, l’efficienza dei nostri sistemi antincendio e di sicurezza. Inoltre SILCOMPA ha veramente un cuore green: il vapore ad alta pressione prodotto per gli impianti viene convogliato ad una turbina di cogenerazione per la produzione di energia elettrica, che assicura l’autonomia allo stabilimento e un surplus immesso nella rete elettrica nazionale; le acque di processo degli impianti vengono riutilizzate dall’impianto di raffreddamento che assiste le fasi finali delle lavorazioni; e infine il sistema di depurazione è quanto di più efficace sia disponibile».

Sto per accomiatarmi (con un arrivederci a tempi migliori) quando Pignagnoli mi dà un’ultima informazione. Durante il mese di maggio il Comune di Correggio comincerà a consegnare gratuitamente alle famiglie e alle strutture sanitarie correggesi 12.000 flaconi di alcol denaturato su iniziativa di SILCOMPA. E credo che questo dimostri ancora una volta che le imprese del territorio sono un tutt’uno con la nostra comunità.

Mauro Degola

Leggi questo e altri articoli su Primo Piano di Maggio 2020!

Condividi: